BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALCOA/ Cagliari, scontri tra operai e polizia: colpita una sindacalista

Pubblicazione:martedì 25 settembre 2012

Foto Infophoto Foto Infophoto

Incidenti a Cagliari davanti alla sede dell'assessorato regionale al lavoro. I lavoratori dell'Alcoa, al centro di dure contestazioni da tempo per la decisione di chiudere l'azienda, si sono radunati a manifestare: la richiesta è quella di ottenere ammortizzatori sociali anche per le ditte che svolgono lavori di appalto per la Alcoa. Si tratta di 350 lavoratori che non hanno diritto alla cassa integrazione come  invece i 581 dipendenti dell'Alcoa. I lavoratori in strada chiedevano poi di essere ricevuti dall'assessore al lavoro. La manifestazione però è degenerata ben presto quando alcuni manifestanti hanno cercato di fare irruzione negli uffici dell'assessorato. Inevitabile lo scontro con le forze dell'ordine che garantivano la protezione e la sicurezza degli uffici. Anche una sindacalista presente in strada, Daniela Piras, è rimasta coinvolta negli incidenti: secondo testimonianze sarebbe stata presa a calci e pugni da alcuni poliziotti. Altre testimonianze parlano dell'uso di un estintore contro i manifestanti. Conseguenza di tutto ciò sono almeno quattro tra feriti e ricoverati, due operai e due poliziotti. Un operaio è stato fermato dalle forze dell'ordine ed è stato portato in questura, mentre la sindacalista Piras lamenta di essere stata presa a calci nella schiena e di non poter muovere un braccio. Al momento la tensione e gli scontri si sono placati: non è la prima volta che gli operai Alcoa si trovano coinvolti in episodi del genere, segno dell'altissima tensione che serpeggia tra di loro dopo la decisione di chiudere l'azienda. Incidenti c'erano stati anche durante la manifestazione che si era tenuta a Roma recentemente. L'incontro con l'assessore al lavoro si è comunque tenuto, e vi ha preso parte anche la sindacalista vittima del pestaggio. In una intervista rilasciata a Ilsussidiario.net, il professor Giovanni Solinas, ordinario di Economia dei distretti industriali presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. aveva spiegato quali prospettive possa avere questa situazione: "Innanzitutto quello riguardante la sostenibilità economica e i costi sociali. E’ ormai ovvio che Alcoa, fino ad oggi, ha potuto operare esclusivamente sulla base dell’abbattimento delle tariffe dell’energia concordate con il governo. Molto meno ovvio è invece quanto questo sia sostenibile nel medio termine".


  PAG. SUCC. >