BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ANGELA CELENTANO/ Forse un hacker dietro le mail inviate dal Messico

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Secondo quanto accertato dalla procura messicana e come ha poi riferito il legale dei Celentano, i messaggi sarebbero partiti dal Messico e da un computer in particolare, trovato però in una casa diversa da quella indicata da Celeste. "Una casa dove ci sono due genitori, il padre è pubblico ministero della procura di questa città, la madre è dipendente del ministero di giustizia. - ha detto l'avvocato di famiglia - Hanno due figli, un maschio e una femmina e la ragazzina ha 3-4 anni in meno di Angela. Sono stati compiuti dna sui due ragazzi e sui genitori ma nessun risultato. Sul pc risulta che siano stati cancellati dei dati e la famiglia ha negato che qualcuno avesse scritto da quel computer ma la procura messicana ha messo sotto inchiesta la famiglia per false dichiarazioni. Ora, però, l'inchiesta sembra aver subito una battuta d'arresto". Inoltre sembra che possa anche esistere anche la possibilità che qualcuno, forse un hacker, abbia mascherato l'indirizzo mail da cui è stato inviato il messaggio, portando dunque gli investigatori sulla falsa pista messicana. Sembra infatti che dallo stesso ip sia stato creato un profilo Facebook con il nome di Celeste Ruiz, ma presto si è rivelato anch'esso falso.

© Riproduzione Riservata.