BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ILVA/ Proteste e blocchi stradali, gli operai sulla torre dell'altoforno. Incidenti

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

Tensione a Taranto dove è in corso una grande manifestazione degli operai dell'Ilva, l'azienda da tempo nell'occhio del ciclone per la decisione da parte della magistratura di fermare l'attività per i danni provocati dall'inquinamento prodotto dall'azienda stessa. Gli operai hanno proclamato 24 ore di agitazione mentre ieri era stata ribadita da parte del giudice indagante l'ordinanza di fermare l'attività lavorativa, in quanto il piano annunciato di risanamento non era giudicato sufficiente. Da ieri diversi lavoratori sono saliti per protestare su un attore dell'altoforno 5 e sulla passatella del camini E312. Hanno così passato la notte a circa sessanta metri di altezza, incatenati e hanno anche dato vita allo sciopero della fame e della sete. Poi stamattina lo sciopero di 24 ore con anche blocchi stradali. Sono gli aderenti ai sindacati Fim Cisl e Uilm Uil che bloccano gli ingressi alla città di Taranto, e cioè la statale 100 direzione Bari, la 7 per Brindisi e la 106 per la Basilicata. Non ha aderito invece allo sciopero la Fiom: l'agitazione in corso dovrebbe durare fino alle 7 della mattina di sabato. La Fiom ha anzi chiesto di sospendere lo sciopero e di dare vita ad assemblee con i lavoratori, perché questo sciopero non sarebbe chiaro nelle sue intenzioni e genera solo confusione. Non è uno sciopero contro la magistratura, dicono gli operai, ma contro i metodi che si stanno applicando. Ovviamente il blocco delle strade sta portando a un clima di tensione con gli automobilisti che protestano: si sono anche sfiorati incidenti ed è stata costretta a intervenire la polizia. E' intervenuto il ministro dell'ambiente commentando che il governo è impegnato a ottenere il rilascio dell'Aia secondo la legge italiana e le normative europee. L'Ilva deve adeguare, ha detto, i propri impianti agli standard europei. Non c'è dunque una risposta alla decisione di ieri del gip, si sta solo continuando il lavoro intrapreso, ha spiegato. Questo lavoro, ha concluso, sarà finito tra qualche giorno e poi sarà rilasciata l'Aia. 


  PAG. SUCC. >