BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

TURISMO/ Roscioli (Federalberghi Roma): gli stranieri ci salvano, ma dal governo ci aspettiamo qualcosa di più

Turisti in piazza San Marco (Foto: InfoPhoto)Turisti in piazza San Marco (Foto: InfoPhoto)

Il presidente di Federalberghi Roma conferma dunque che, nelle località frequentate principalmente da turismo intercontinentale, il ritorno è stato decisamente positivo. «Per fare un esempio, quest’anno Roma ha ospitato molti turisti asiatici ma anche statunitensi, canadesi e sudamericani che, non soffrendo delle dinamiche economiche europee, hanno continuato a viaggiare con ritmi crescenti». La capitale, ci spiega, ha dunque fatto registrare un +4% circa, anche se, a causa di un deciso calo dei prezzi, il fatturato non risulta poi così differente rispetto agli anni precedenti. «I problemi maggiori - continua Roscioli - li stanno vivendo quelle località dove il turismo è prevalentemente nazionale, dove infatti abbiamo assistito a un vero e proprio tracollo. Lo stesso, anche se in misura leggermente inferiore, è avvenuto anche in quelle località caratterizzate dalla presenza di turisti provenienti da altri paesi europei che, come noi, non se la passano proprio bene».

Infine, per quanto riguarda i prossimi anni, Roscioli spiega che «i dati relativi alla presenza straniera dovrebbero mantenersi sui livelli di quest’anno, mentre per quanto riguarda l’aspetto nazionale dipenderà molto dalle azioni del governo dei prossimi mesi. Francamente, tra i piani del governo, nonostante gli annunci, ancora non trovo traccia di un vero sviluppo, e questo certamente non mi aiuta ad essere ottimista guardando al futuro».

 

(Claudio Perlini)

 

© Riproduzione Riservata.