BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

OROSCOPO 2013/ Il segno dello Scorpione: Paolo Fox aveva visto giusto su... Alessandro Del Piero?

Pubblicazione:

Alessandro Del Piero (Infophoto)  Alessandro Del Piero (Infophoto)

Paolo Fox, nel corso della trasmissione Mezzogiorno in famiglia in onda su Raidue, ha anticipato le previsioni del suo Oroscopo 2013 per il segno dello Scorpione. Secondo il noto astrologo, i nati tra il 23 ottobre e il 22 novembre avranno un’annata molto importante. Fox ha infatti spiegato che per lavoro e salute ci saranno importanti novità. Ma non da subito: l’inizio dell’anno sarà decisamente in sordina, almeno fino a luglio. Nella seconda metà dell’anno, infatti, si sbloccheranno delle opportunità decisive, soprattutto per chi sta portando avanti progetti importanti, anche dal punto di vista lavorativo. Inoltre, ci sarà un miglioramento del proprio benessere fisco, che alla fine del 2012 non è stato purtroppo ottimale per i nati sotto il segno dello Scorpione. La seconda parte dell’anno sarà quindi importante anche per la sfera sentimentale. Elementi chiari e sintetici, quelli diffusi sulla seconda rete della Rai da Fox, che riserverà tutti i dettagli per il suo libro: "Oroscopo 2013 di Paolo Fox" (Cairo Publishing). In attesa quindi che le stelle possano portare i loro benefici, per gli scorpioni più "scettici" potremmo “verificare” se le previsioni effettuate da Paolo Fox per il 2012 sono state accurate, così da capire se anche quelle per il nuovo anno possono considerarsi “attendibili”. Abbiamo preso quindi in considerazione un noto personaggio nato sotto il segno dello Scorpione: Alessandro Del Piero. L’ex capitano della Juventus è infatti nato il 9 novembre del 1974 a Conegliano, in provincia di Treviso. E c’è da dire che è in buona compagnia sotto le stelle: altri noti calciatori dello Scorpione sono infatti Pelé (nato il 23 ottobre 1940), Sandro Mazzola (5 novembre 1942), Gigi Riva (7 novembre 1944), Diego Armando Maradona (30 ottobre 1960), Marco Van Basten (31 ottobre 1964) e Wayne Rooney (24 ottobre 1985). In effetti, secondo molti astrologi, i nati sotto il segno dello Scorpione (segno d’acqua dominato da Plutone e Marte) hanno spesso forze inconsce molto potenti, sono dotate di intelligenza acuta, e cercando di esprimersi in maniera creativa e originale: qualità che di certo non mancano ai campioni che abbiamo elencato poco sopra, tantomeno ad Alessandro Del Piero. Dicevamo delle previsioni di Paolo Fox per il 2012. Ecco quel che disse il 2 gennaio di quell’anno dagli studi de I fatti vostri a proposito dello Scorpione: innanzitutto l’astrologo aveva ricordato le difficoltà patite nel corso del 2011 e poi aveva spiegato che in ambito lavorativo “fino a marzo saranno mesi difficili. Poi da aprile a settembre potrete ritrovare stabilità e addirittura qualche occasione in più”. In effetti, il primo gol in campionato allo Juventus Stadium, Del Piero l’ha realizzato il 25 marzo, nel derby d’Italia contro l’Inter. L’11 aprile, poi, ha festeggiato la partita numero 700 in maglia bianconera segnando il gol della vittoria per 2-1 contro la Lazio. Il 6 maggio, infine, ha conquistato lo scudetto (numero 28 o 30 per la Juventus a seconda delle diverse “interpretazioni”). E anche qui Fox è stato abbastanza “profetico”. Infatti, aveva detto: “Quello che non avete ottenuto negli ultimi due anni sarà facile da ottenere nei prossimi tre”. E lo scudetto inseguito dopo il ritorno in serie A effettivamente è arrivato proprio nel 2012. Poi si sa quel che è successo: una triste separazione tra “Pinturicchio” e la “Vecchia Signora” che ha portato Del Piero a scegliere di giocare in Australia. Il tutto è avvenuto a settembre. E leggete un po’ cosa diceva Fox un anno fa a proposito delle opportunità lavorative per i nati sotto il segno dello Scorpione (in parte l’abbiamo visto già prima): “Fino a marzo saranno mesi difficili. Poi da aprile a settembre potrete ritrovare stabilità e addirittura qualche occasione in più. Per esempio, chi ha un’iniziativa in proprio, decolla, parte e finalmente mette in opera quello che ha in mente”. Beh, parole più azzeccate Fox non poteva trovarle: Del Piero è proprio decollato e partito. L’esperienza al Sidney non pare però essere proprio positivissima. 


  PAG. SUCC. >