BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MELANIA REA/ Meluzzi: le motivazioni della condanna per omicidio di Parolisi non reggono

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Ma soprattutto è stata fatta una cosa secondo me illegittima. In Italia la perizia psicologica in materia penale è vietata a meno che non rappresenti un fatto peritale sul quale si vuole ricostruire l'attendibilità della testimonianza di un minore, oppure si vuole la capacità di testare dopo la morte di un anziano la sua capacità di essere circonvenuto. Ma costruire una sorta di perizia psicologica senza una perizia sulle dinamiche di coppia e oltretutto su un defunto in assenza della possibilità di avere elementi scientifici per poterlo fare è un fatto francamente irrituale. 

Dunque una evidente forzatura delle dinamiche psicologiche della coppia? Non è stata fatta alcuna perizia sul Parolisi, e dico per fortuna, ma neanche sulla moglie. Pensare di costruire una sorta di psicologia della coppia senza fare perizie e senza prove è un uso della perizia psicologica del quale il legislatore ha detto al giudice di non fare uso. Una delle ragioni per cui la perizia personologica è vietata come elemento di prova è che prima bisogna trovare la prova e poi eventualmente fare delle domande allo psichiatra forense sulla capacità di intendere e di volere e sula pericolosità sociale. 

Invece? Tracciare dei profili di personalità e poi vedere come questi profili si possano incastrare  nelle ipotetiche probabilità dei fatti è psichiatria da era sovietica. E' un uso lombrosiano all'incontrario della psicologia forense.

© Riproduzione Riservata.