BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ITINERARI/ Un liquore per rimboccarsi le maniche e smettere di dire "Povera Italia"

Pubblicazione:martedì 1 ottobre 2013 - Ultimo aggiornamento:martedì 1 ottobre 2013, 12.10

Bruno De Rosa, titolare di Montegrigna by Tric Trac Bruno De Rosa, titolare di Montegrigna by Tric Trac

Eppure se cede i suoi saperi (unici, credetemi) ad un pizzaiolo di passaggio, dopo sei mesi quello se n'è già andato, con un lauto stipendio e un mestiere rubato. Povera Italia! Però il signor Bruno mi ha fatto tenerezza, perché è uno che ci mette la faccia, che non demanda ad altri, e negli occhi ha anche il peso della stanchezza sua e dei suoi collaboratori che la domenica a pranzo erano provati. Ho assaggiato la pizza fatto secondo l'impasto di Tramonti (con il finocchietto selvatico, rara avis) ed era fantastica. Io quella pizza, che rimane fragrante fino all'ultimo boccone, la mangerei anche fredda, tanto è buona e vera. Avrebbe voluto farmi assaggiare anche la pastiera, ma la sera prima era terminata. Mi ha offerto un liquore che faceva sua mamma, il Concerto, e mentre bevevo quell'elisir pensavo che questa no, non era la povera Italia. Noi siamo la grande Italia, ma abbiamo lasciato troppe cambiali in bianco in mano a chi – affarista, arrivista, ideologo o puttaniere - avrebbe dovuto tremare davanti al compito di difendere un bene comune. E ora ? Ora tocca a noi, in un modo o nell'altro. Spegniamo la televisione!



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.