BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

PAPA FRANCESCO/ Eugenio Scalfari intervista Bergoglio: Concilio Vaticano II e cultura moderna, la Chiesa riparta da qui

Eugenio Scalfari ha intervistato Papa Francesco, l'intervista pubblicata oggi sul quotidiano Repubblica. Concilio Vaticano II e modernismo: ecco cosa ha detto Bergoglio

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Una lunga intervista esclusiva quella del fondatore del quotidiano La Repubblica al Papa, pubblicata oggi sul quotidiano romano. Continua dunque il dialogo fra Scalfari e Francesco dopo l'ormai famosa lettera del Pontefice che rispondeva  a Scalfari stesso. Moltissimi gli argomenti trattati: Bergoglio insiste come la Chiesa debba ripartire dal Concilio Vaticano Secondo e aprire alla cultura moderna. Il Papa parla poi dei mali del mondo, cioè giovani senza lavoro e vecchi lasciati da soli. Per quanto riguarda la Chiesa stessa, l'ha definita "troppo vaticano-centrica con una corte che è la lebbre del papato". Parole dure come si vede a cui si aggiunge il giudizio sui capi della Chiesa, definiti da Francesco troppo narcisi: "I Capi della Chiesa sono stati spesso narcisi, lusingati e malamente eccitati dai loro cortigiani". Aggiungendo: "La Curia non è la corte, ma vi sono talvolta 'dei cortigiani'. E ha un difetto: è Vaticano-centrica. Vede e cura gli interessi del Vaticano, che sono ancora, in gran parte, interessi temporali. Questa visione trascura il mondo che ci circonda e farò di tutto per cambiarla". Quindi, dice, che l'obbiettivo della Chiesa non è fare proseliti, sarebbe una sciocchezza ha detto:  "Il proselitismo è una solenne sciocchezza che ci circonda. Il nostro obiettivo è l'ascolto dei bisogni, dei desideri, delle delusioni, della disperazione, della speranza. Dobbiamo ridare speranza ai giovani, aiutare i vecchi, aprire verso il futuro, diffondere l'amore". Il fatto che in paesi come l'Italia i cristiani siano ormai una minoranza per il Papa può essere una forza: "Dobbiamo essere un lievito di vita e amore, e il lievito è una quantità infinitamente più piccola della massa di frutti, fiori e alberi che da quel lievito nascono".

© Riproduzione Riservata.