BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DELITTO COGNE/ Anna Maria Franzoni, concessi i lavori esterni

Condannata a 16 anni per l'omicidio del figlio Samuele, la Franzoni potrà lavorare dalla mattina alla sera in una coopertativa della provincia bolognese prima di far ritorno in carcere

immagine d'archivio immagine d'archivio

Anna Maria Franzoni può uscire dal carcere per lavorare dalla mattina alla sera. La decisione è stata presa dal penitenziario Dozza di Bologna nel quale la donna sconta la sua pena.
Condannata a 16 anni per l’omicidio del figlio di tre anni Samuele, ucciso con 17 colpi alla testa la mattina del 30 gennaio 2002 nella villetta di famiglia a Cogne, in Valle d’Aosta – può lasciare la cella per andare a lavorare in una cooperativa nella provincia di Bologna. È da lunedì scorso che gode di tale opportunità. La possibilità di lavoro esterno le viene concessa sulla base dell’articolo 21 dell’ordinamento penitenziario.
Ripercorriamo il suo iter giudiziario. La Franzoni è stata arrestata la prima volta il 14 marzo del 2002, per essere poi scarcerata alla fine dello stesso per decisione del Tribunale del riesame. Il 4 ottobre dello stesso anni, il Tribunale aveva però inaspettatamente cambiato parere dichiarando nuovamente  nuovo valido l’ordine di cassazione; ma il giudice per le indagini preliminari di Aosta, Fabrizio Gandini, lo aveva ritirato infine ritirato causa “cessazione delle esigenze cautelari”.
L’ultimo atto dell’odissea giudiziaria è andato in scena il 27 aprile 2007 dopo tre anni di processo. La donna è  in carcere dal 22 maggio 2008, subito dopo la conferma della sentenza d’Appello da parte della Corte di Cassazione. La Franzoni si è sempre dichiarata innocente; ci ricordiamo tutti le numerose volte che è andata in televisione (Porta a Porta e Maurizio Costanzo Show su tutti) piangendo il figlio morto e professando la proprio innocenza.
Due anni dopo l’omicidio del piccolo Samuele, nel 2004, lei e il marito, Stefano Lorenzi, hanno avuto un altro figlio, Gioele. Secondo quanto riportano alcune perizie psichiatriche a cui è stata sottoposta nel corso di questi turbolenti anni, la donna sarebbe affetta da nevrosi isterica, e dunque  portata a simulare poiché  incapace di elaborare e affrontrae i problemi della vita quotidiana.

 

© Riproduzione Riservata.