BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

IL CASO/ Ciaccia (Corte dei conti): la legge "del Buon Samaritano", una spending review sociale

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Il consumatore finale non ha il problema di osservare tutte le discipline relative al confezionamento dei prodotti, trasporto, deposito, somministrazione, ecc. La onlus si atteggia come il soggetto che ha consumato il cibo nel punto stesso in cui lo ha raccolto. Questo non sottrae tuttavia le onlus alla disciplina penale vigente in termini di responsabilità civile e penale.

In che senso?

Se un soggetto viene invitato a casa di un altro e viene avvelenato, non è che chi ha fornito il pasto è esentato dalle sue responsabilità. Ovvero non si cancella l’articolo 2042 del codice civile che dispone che chiunque, attraverso il proprio comportamento, cagioni danni è tenuto al risarcimento. Prima della legge del Buon Samaritano era tutto molto problematico.

Quali erano le difficoltà?

Tutta la normativa impediva al cibo di arrivare alla bocca di chi ha fame. Chi produceva in eccedenza non si metteva in un impiccio del genere, caricandosi la responsabilità del trasporto. E chi doveva raccogliere il cibo spesso non aveva le risorse di un’organizzazione commerciale.

La legge del Buon Samaritano potrebbe diventare un paradigma anche per altri paesi europei?

Assolutamente sì. La nostra aspirazione è che possa essere introdotta in tutti gli stati dell’Unione Europea in coerenza con i suoi diritti fondamentali. Per questo sono molto importanti tutte le iniziative che si stanno assumendo in sede comunitaria.

A che iniziative si riferisce?

Nel febbraio scorso è stato presentato un background document della Commissione Europea nel quale, tra gli altri argomenti, viene trattata la donazione di eccedenze alimentari ai banchi alimentari. Speriamo di non dover aspettare dieci anni per poter dire che l’Europa ha introdotto una legge valida in tutti gli stati che combatta definitivamente lo spreco. C’è anche un altro aspetto importante.

Quale?

Attraverso la legge sul recupero e la distribuzione del cibo si costruisce una forma nobile, positiva ed efficace di spending review sociale.

In che modo scusi?