BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SENATO/ Reato di negazionismo, arriva il primo sì: reclusione fino a cinque anni

La commissione giustizia del Senato ha approvato ieri l'emendamento che introduce il reato di negazionismo, proprio mentre a Roma erano in corso i funerali di Erich Priebke

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Mentre in provincia di Roma si svolgevano i discussi funerali di Erich Priebke, la Commissione giustizia del Senato approvava l'emendamento che introduce il reato di negazionismo, presentato da Felice Casson (Pd) e sottoscritto da Caliendo e D’Ascola (Pdl), Gianrusso e Cappelletti(M5S), Barani (Gal), Cirinnà e Lumia (Pd), De Cristofaro (Sel) e Albertini (Sc). L'emendamento ha ottenuto il primo via libera quasi all'unanimità, visto che hanno votato contro solo Carlo Giovanardi (Pdl) e Enrico Buemi (Psi). Il testo dovrà ora passare all’esame dell’Aula. Come ha successivamente spiegato il presidente della Commissione, Francesco Nitto Palma, il reato di negazionismo potrà essere introdotto nell'art. 414 del codice penale (ultimo comma), che già prevede il reato di apologia, punibile con la reclusione da uno a cinque anni. "È un risultato di grande valore per il nostro Paese - ha detto il capogruppo Pdl in Senato, Renato Schifani - Tanto più importante perché arriva alla vigilia di una giornata di enorme significato per le vittime della ferocia nazista. Da oggi in poi sarà impossibile negare l’evidenza di una tragedia che ha segnato drammaticamente il secolo scorso".

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
18/10/2013 - La legge rappresenta solo un granchio letale (maurizio candelori)

seplicemente perchè se uno nega un fatto storico acclarato da tutto il mondo (e dagli storici), o è un cretino oppure deve portare degli argomenti nuovi e convincenti che magari introducano un nuovo dibattito e approfondimento della verità. Inoltre apre un'ipotesi aberrante sui nuovi reati penali, cioè non si sa come riconoscere il "negazionismo", quindi con una pericolosissima incertezza del diritto penale... E' negazionismo dire che gli americani non hanno mai uccisio decine di migliaia di giapponesi con la bomba atomica? e via di questi esempi...oppure è negazionismo solo negare l'olocausto? Sarebbe assurdo (pur riconsocendo che questo fu certamente il momento più buio del precedente secolo). E poi chi decide cosa è vero per sempre? La legge????? o i fatti riconosciuti tali dagli uomini? Il tutto è semplicemente delirio!!!

 
16/10/2013 - Ridicolo! (Francesco Giuseppe Pianori)

Si può negare pubblicamente perfino che Dio esista (quanti atei ci sono ed insegnano pubblicamente in Università!); ma negare che i nazisti siano stati dei criminali ed abbiano deliberatamente ucciso milioni di ebrei, questo è punito con 5 anni di reclusione... La realtà e la verità si dimostrano da sole, senza tanti Giudici e Tribunali. A quando il reato di "cristianesimo"? Affermare che Gesù è Dio è ancora più "incredibile" che dire che non c'è stato alcun Olocausto. L'ideologia avanza a grandi passi e la "verità" imposta per Legge è ancora peggio del peggiore Olocausto. I nazisti sono stati dei criminali, come tanti altri nella storia; ma chissà perché lo stesso "trattamento" non è riservato ai crimini di Stalin e del Comunismo... Il "negazionismo" in questo caso è addirittura approvato e difeso...