BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FASTWEB/ Frode Carosello: Assolto Silvio Scaglia, Mokbel condannato a 15 anni

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

Assolto per non aver commesso il fatto. Dopo 3 mesi trascorsi nel carcere romano di Rebibbia e 9 ai domiciliari, il fondatore di Fastweb, Silvio Scaglia, torna in libertà. Assolto anche Stefano Mazzitelli, ex amministratore delegato di Telecom Italia Sparkle.
Il processo di primo grado – su quella che è stata definita come la più grande truffa mai realizzata nel nostro Paese, un riciclaggio di circa due miliardi di euro – si è concluso con 7 assoluzioni e ben 18 condanne per un totale di 115 anni di reclusione. Dopo quasi dieci ore di camera di consiglio, i giudici hanno condannato a 15 anni di reclusione l’imprenditore Gennaro Mokbel, a 8 anni sua moglie Giorgia Riccie, a 11 anni il consulente Carlo Focarelli, a 7 anni l’ufficiale della Guardia di Finanza Luca Berriola  e a 5 anni e 4 mesi l’avvocato Paolo Colosimo.
Queste le prime commosse parole rilasciate da Scaglia all’uscita dal tribunale: “Sono contento di aver combattuto questa battaglia durissima. Era ben riposta la fiducia che avevo nella giustizia” e prosegue:  “Per me è finito un incubo che non doveva neanche iniziare. Un pensiero va alle tante persone che soffrono in carcere ingiustizie simili”. Le accuse a suo carico mossegli da Bruno Zito – il dirigente Fastweb che lo accusava di aver deciso le operazioni commerciali fraudolente – sono definitivamente cadute e torna così a riabbracciare la libertà.
Il tutto era iniziato due anni fa, quando il fondatore di Fastweb fu portato in cella per scontare un anno di carcere preventivo, poi ridotto a 3  mesi, con 9 di domiciliari. L’inchiesta, denominata “Frode Carosello” vedeva coinvolti i quadri dirigenziali di Fastweb e Telecom Italia Sparkle: venivano contestati i reati i reati di associazione a delinquere transnazionale pluriaggravata finalizzata al riciclaggio, l’intestazione fittizia di beni, l’evasione fiscale, il reinvestimento di proventi illeciti e delitti contro la pubblica amministrazione al fine di creare ingentissimi fondi neri. 



© Riproduzione Riservata.