BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

PAPA FRANCESCO/ Omelia di Santa Marta: la speranza cristiana non è ottimismo ma aspettativa

Che cos'è la speranza cristiana? Lo ha spiegato oggi il Papa nell'omelia di Satnta Marta. La speranza ha detto non è ottimismo ma vivere nell'attesa della rivelazione

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Nell'omelia di stamane Papa Francesco ha preso spunto da San Paolo per approfondire il concetto di speranza cristiana. Essa, ha detto, non è semplice ottimismo ma una ardente aspettativa della rivelazione del Figlio di Dio. Il cristiano ha spiegato vive nella caducità della creazione e dunque è sottoposto a speranza e schiavitù: la speranza, ha detto, però non delude. Ma è anche vero, ha spiegato, che non è facile capirla: pensiamo che essere persone di speranza equivalga a essere persone ottimiste, ma non è così. “La speranza" ha detto "non è un ottimismo, non è quella capacità di guardare le cose con buon animo e andare avanti. No, quello è ottimismo, non è speranza. Né la speranza è un atteggiamento positivo davanti alle cose. Quelle persone luminose, positive... Ma questo è buono, eh! Ma non è la speranza. Non è facile capire cosa sia la speranza. Si dice che è la più umile delle tre virtù, perché si nasconde nella vita. La fede si vede, si sente, si sa cosa è. La carità si fa, si sa cosa è. Ma cosa è la speranza? Cosa è questo atteggiamento di speranza? Per avvicinarci un po’, possiamo dire in primo che la speranza è un rischio, è una virtù rischiosa, è una virtù, come dice San Paolo ‘di un’ardente aspettativa verso la rivelazione del Figlio di Dio’. Non è un’illusione”. Dunque l'uomo che ha speranza è l'uomo in tensione verso la rivelazione. I primi cristiani ha detto il Papa dipingevano la speranza come un'ancora e oggi si chiede dove è questa ancora, dove siamo ancorati. "Siamo ancorati proprio là nella riva di quell’oceano tanto lontano o siamo ancorati in una laguna artificiale che abbiamo fatto noi, con le nostre regole, i nostri comportamenti, i nostri orari, i nostri clericalismi, i nostri atteggiamenti ecclesiastici, non ecclesiali, eh? Siamo ancorati lì? Tutto comodo, tutto sicuro, eh? Quella non è speranza. Dove è ancorato il mio cuore, là in questa laguna artificiale, con comportamento ineccepibile davvero…” ha detto. Quindi la speranza è come un parto perché siamo in attesa e dà la vita. C'è dunque differenza tra vivere nella speranza ed essere solo dei buoni cristiani.

© Riproduzione Riservata.