BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

OMICIDIO CHIARA POGGI/ Garlasco: Alberto Stasi non convince, la Cassazione riapre il caso

Si riapre il caso dell'omicidio di Garlasco: per la Cassazione le due sentenze che hanno assolto Alberto Stasi non sono convincenti. Chiesa una nuova indagine sugli indizi

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Serie di critiche non da poco da parte della Cassazione nei confronti dei giudici che per ben due volte, in primo e secondo grado, hanno assolto Alberto Stasi, unico accusato dell'omicidio di Chiara Poggi. Omicidio che, come si ricorda, risale all'agosto 2007 a Garlasco, nell'abitazione della giovane, in provincia di Pavia. Secondo la Cassazione riesaminando tutto l'andamento processuale tenuto fino a oggi, non è possibile arrivare a una soluzione certa: non si riesce cioè a definire se lo Stasi sia colpevole o innocente. Ci sono incongruenze e omissioni, sia nelle deposizioni rilasciate dal fidanzato della ragazza, sia nella ricostruzione processuale. Inoltre le motivazioni con cui lo Stasi è stato assolto "non esprimono le ragioni della ritenuta veridicità e credibilità del dichiarante". Colpa del giudice, questa volta. Che succede adesso? La Cassazione obbliga a un nuovo esame degli indizi perché non è stato esercitato un approccio coerente alla prova indiziaria. Due soprattutto gli indizi da riesaminare: la bicicletta nera da donna di proprietà della famiglia Stasi e il capello corto castano rinvenuto nella mano sinistra della vittima. 

© Riproduzione Riservata.