BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

LAMPEDUSA/ Urso: chi accusa la Bossi-Fini è "complice" dell'Europa

InfophotoInfophoto

Anzitutto, deve iniziare a dotarsi di una politica per il Mediterraneo. Cercando una soluzione, per esempio, al dramma siriano, al confronto tra Etiopia ed Eritrea, o alle turbolenze dei Paesi della primavera araba. Senza, è ovvio che gli abitanti di queste zone continueranno a fuggire dai teatri di guerra. Purtroppo, l’Europa è ancora profondamente divisa. Detto questo, rispetto alle circostanze attuali, l’Ue deve pensare a come accogliere le persone che sbarcano sul nostro territorio.

 

Come?

Ricordandosi, tanto per cominciare, che l’Italia è solamente la prima linea. I migranti approdano al nostro Paese con l’idea di entrare in Europa. Magari per ricongiungersi con i propri parenti o con i membri della propria comunità che stanno in altri Stati. Occorre che anche in questo caso l’Ue si dimostri unita, e che riconosca che la questione è un problema comunitario, non dell’Italia. Di conseguenza, potrà individuare politiche economiche e politiche del lavoro comuni in grado di accogliere l’immigrazione tenendo conto delle differenze e della situazione dei vari Paesi. E’ evidente, per esempio, che in questa fase storica l’Italia non è in grado di offrire occupazione.

 

Perché, finora, l’Europa ha fatto poco e nulla?

Per lo steso motivo per cui, finora, ha fatto poco e nulla rispetto alla politica economica e a quella occupazionale. Il processo di unificazione si è arenato. In tal senso, è stato un grave errore non conferire le principali cariche europee a leader politici. I grandi Paesi hanno preferito evitare personalità di spicco. Per intenderci: se il presidente del Consiglio europeo fosse stato Blair, o se quello della Commissione fosse stato Aznar, forse si sarebbero trovate ben altre soluzioni. Per interessi di pochi Paesi, l’attuale Europa rappresenta la sommatoria dei configgenti interessi dei vari Stati.

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
07/10/2013 - commento (francesco taddei)

la soluzione l'aveva trovata sciur maroni, altro che europa.

 
06/10/2013 - Immigrazione (Lindo Caprino)

Ma quale Europa o quale U.E.! Non esistono! Esistono solo nei pii "desiderata" degli ingenui. In realtà esistono potenti lobby nazionaliste in vari Stati che fanno sì che i loro governi facciano soprattutto i loro interessi personali. Altro che unione! Ognuno pensa per sé. Siamo solo noi italiani che ci illudiamo di stare in una Comunità dove i problemi vengono gestiti nell'interesse generale.

 
05/10/2013 - Urge coinvolgimento Ue non cambio legge Bossi-Fini (Carlo Cerofolini)

È inutile girarci intorno o è l’Ue a farsi carico del problema dell’immigrazione clandestina – con mezzi, risorse economiche, assistenza, asilo, ecc.. (ogni paese contribuisca in % al Pil)- non lasciandoci soli con il problema e agendo soprattutto in forma preventiva nei paesi da cui questa arriva (sta però anche e soprattutto a noi farci intendere!) o non ci sarà soluzione valida per nessuno e purtroppo è invece probabile che queste tragedie si intensifichino con l’aumentare dell’immigrazione. Aumento del fenomeno inevitabile, dovuto molto anche all’insipienza/inesistenza della politica estera dell’Ue e/o di scelte sbagliate dell’Ue stessa con ad es. l’appoggio acritico alle "primavere arabe" (i risultati si vedono), nonché di azioni di guerra fatte, come quelle della Francia con poi UK e Usa in prima linea in Libia, e via sbagliando. E comunque il buonismo e la carità pelosa non pagano ma determinano solo danni e tragedie ancora più grandi. Infine va spiegato ed evidenziato che la legge Bossi-Fini (che, oltre tutto, ricalca la legge Turco-Napolitano) proprio non c’entra nulla per quanto attiene queste tragedie legate all’immigrazione clandestina, chi dice il contrario sbaglia e forse qualcuno magari pure sapendo di sbagliare. A chi giova?

 
05/10/2013 - commento (francesco taddei)

la soluzione non è il superstatoeuropeo che parla tedescofranceseinglese. ma che la marina italiana smetta di andarli a prendere sulle loro coste per portarli da noi, che si facciano campi di accoglienza in nordafrica e che inglesi&francesi la smettano di fare casino a danno degli altri. i problemi si risolvono cominciando a dire a qualcuno che sbaglia, non con perenni strette di mano, prego si accomodi, servo vostro.