BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTO DEL GIORNO/ Oggi, 8 ottobre, si celebra San Felice, primo vescovo di Como

San Felice di Como San Felice di Como

San Felice giunse a Como nell'anno 386. La prima decisione che prese come vescovo fu la fondazione di una chiesa, dove i fedeli potessero riunirsi per ricevere i sacramenti e che al tempo stesso fungesse da punto di riferimento per i missionari della zona. La chiesa venne consacrata a San Carpoforo, venendo edificata su di un tempio dedicato al dio Mercurio già esistente, che venne rimaneggiato e adattato al nuovo culto. Nonostante la lontananza geografica, i rapporti tra Sant'Ambrogio e San Felice furono estremamente intensi. Un caso emblematico riguarda la consacrazione effettuata dai due santi della prima basilica di Lodi, nell'anno 387, fondata da San Bassiano.

Como era un centro chiave dell'Italia Settentrionale, in quanto era un punto di riferimento per tutta la popolazione che viveva nei pressi del lago, per i ticinesi, le popolazioni dell'alto varesotto e per coloro che abitavano nelle aree montane del passo dello Spluga. San Felice inviò decine di missionari a evangelizzare le aree relazionate con la città comasca, ottenendo ottimi risultati e ordinando centinaia di diaconi, destinati a guidare le nuove comunità. San Felice morì l'8 ottobre dell'anno 391, chiedendo di venire sepolto nella sua chiesa, dedicata al proto-martire Carpoforo, confermando così il suo legame con la città di Como.

© Riproduzione Riservata.