BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

KYENGE/ Matteo Salvini: se fosse l'unica donna su un'isola deserta, leggerei un libro

Pesanti apprezzamenti sul fisico del ministro Kyenge da parte del leghista Matteo Salvini che se la prende anche con gli immigrati che arrivano in Italia: sono degli invasori

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Matteo Salvini è l'ultimo - per adesso - della lista dei leghisti che si sono rivolti con parole pesanti al limite dell'insulto se non oltre verso il ministro Cécile Kyenge. Ricordiamo infatti i due casi più noti, quelli di Roberto Calderoli e Mario Borghezio. Salvini, parlando su Radio24, si è dedicato alle preferenze sessuali: se il ministro fosse l'unica donna su un'isola deserta insieme a me, ha detto, preferirei leggere un libro e dividere l'isola in due parti, una dove sto io e una dove sta lei. Salvini, continuando, ha detto che ci sono donne di colore di bellezza straordinaria ma non è il caso del ministro: "Tra la Kyenge e la castità meglio la seconda, basta avere sani principi. A cena con la Kyenge? Non la inviterei, perché ho poco tempo e poi non mi sta molto simpatica". Non credo di essere razzista, ha commentato, dicendo queste cose, inoltre la sente in televisione ma dopo dieci minuti non capisce più cosa dice:" Mi sembra la supercazzola. Tra lei e Calderoli non c’è paragone, lui è sei spanne sopra”. L'esponente leghista è poi andato sull'argomento dell'immigrazione: quelle persone, ha detto, sono degli invasori. Bisogna smettere di pagare l'assistenza sanitaria ai clandestini: "ci sono extracomunitarie che fanno sette aborti di seguito" ha detto. Ed ecco cosa propone per gli immigrati: se i clandestini non possono pagarsi l'assistenza sanitaria, mandiamo il conto ai paesi di provenienza. 

© Riproduzione Riservata.