BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

LANDINI/ Ecco perché mi piace Papa Francesco, le nostre radici comuni

Il leader della Fiom Maurizio Landini esprime il suo apprezzamento per papa Francesco e si dice onorato se dovesse incontrarlo. La manifestazione del 12 ottobre

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Il segretario della Fiom Maurizio Landini comincia a scaldare i motori in vista della manifestazione annunciata per il prossimo 12 ottobre, il cui obbiettivo è chiedere l'applicazione dei principi della Costituzione. Una manifestazione non solo sindacale ma civile, a cui parteciperà anche Stefano Rodotà. Per l'occasione Huffington Post ha fatto con lui una lunga intervista che ha come oggetto Papa Francesco. Landini dice di ammirare molto il nuovo pontefice, soprattutto per quanto ha fatto per la Siria con la giornata di digiuno e preghiera, ma anche per quanto ha detto ai lavoratori sardi. Solo il Papa, dice, ha dato vita a una vera "manifestazione" contro la guerra, con il coraggio di parlare anche a religioni diverse e guardare lontano. Landini chiarisce anche però come sia stato Ratzinger il papa che ha dato inizio a un rinnovamento della Chiesa, ma comunque a differenza della politica la Chiesa è impegnata in un grande lavoro di trasformazione.  Landini oltre al rispetto per  Bergoglio, trova una sintonia su diversi aspetti: "Bisogna rimettere al centro la persona e la sua realizzazione come punto centrale della ricostruzione di una società. Il che vuol dire entrare in rotta di collisione e in critica radicale con il liberismo e la logica secondo cui il mercato da solo può fare tutto. In questo, con il Papa, non vedo solo un punto che condivido ma anche una questione che mi interessa approfondire". Infine dice che se capitasse l'occasione di incontrare il papa ne sarebbe onorato: "Penso all’esperienza che stiamo facendo adesso per arrivare alla manifestazione del 12 ottobre, dal momento che abbiamo fatto l’appello ho visto il fatto che tante persone diverse, laici e cattolici, si sono incontrate e ritrovano una ragione per le battaglie che stanno facendo. Questo a me convince: nei momenti difficili devi proprio ripartire dalle radici comuni".

© Riproduzione Riservata.