BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALLUVIONE SARDEGNA/ Da Olbia: "qui la gente ha gli occhi lucidi, ma siamo più forti del ciclone"

Pubblicazione:

immagine d'archivio  immagine d'archivio

Tutti avrebbero fatto così. Se non si da una mano in questi momenti… è il minimo che si può fare per aiutare quelle persone che hanno perso tutto. Io ho visto case completamente da buttare, una cosa incredibile. È la voglia di aiutare le persone per superare la forza della natura: far vedere che siamo più forti di quello che è successo.

 

Ma dal punto di vista morale che clima c’è? 

Ma noi sardi quando ci troviamo in queste situazioni riusciamo a fare gruppo e ci aiutiamo l’uno con l’altro. Certo, i danni sono enormi, ma siamo molto forti. La gente ha gli occhi lucidi, ma non si da per vinta, anche con una semplice scopa in mano.

 

Ha detto che sta iniziando a piovere: l’emergenza resta alta?

 Assolutamente sì. Io poi non so se è vero, ma dicono che vogliono riaprire la diga se i livelli rimangono questi. L’allerta meteo rimane alta e sono previste altre perturbazioni. Noi siamo qui e continuiamo a fare il nostro lavoro.

 

(Fabio Franchini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
20/11/2013 - Vogliamo almeno fare i funerali?! (Claudio Baleani)

Leggo da più parti che l'Italia è il paese del dissesto idrogeologico e che le morti di questi giorni devono essere ascritte sulla coscienza di chi non ha voluto fare i lavori di risanamento. Quali lavori avremmo dovuto fare? Hanno presente questi saggi del giorno dopo quanto è complicata l'Italia? Sulle generiche affermazioni si va formando una mentalità e una retorica politica dell'interventismo (magari con altre opere pubbliche) e nessuno dice che non esiste la categoria dei lavori che porta sempre in salvo la gente. La verità è molto semplice. Ci sono disastri che non si possono evitare. Ce ne sono altri che avrebbero fatto meno danni se le ferrovie, le autostrade, le strade, i piani regolatori e la coltivazione attuale e meccanizzata dei terreni non avessero occluso o ristretto il deflusso dei fiumi in mare e aumentato la velocità di invasamento delle acque. Sarebbe una bella cosa che si metta da una parte l'ipocrisia e si lavori risolvendo caso per caso piuttosto che lanciare campagne politiche che porteranno a stanziamenti per altre opere che non risolveranno un bel nulla o addirittura aggraveranno la situazione. Il tutto per fare bella figura in TV.