BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NO TAV/ Pittella: i violenti che hanno assaltato Letta sono "figli" dell’austerity

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Mentre era in corso il vertice Italia-Francia e sia Enrico Letta che Francois Hollande ribadivano che la Tav, comunque vada, si farà, le manifestazioni di chi la pensa al contrario degeneravano negli ennesimi episodi di violenza. Ieri, Roma, in occasione del summit, è stata blindata. Inizialmente, un gruppo di attivisti della Val di Susa ha protestato pacificamente a Campo dei Fiori, vicino alla sede dell’ambasciata francese. Poi, un gruppo di militanti si è staccato da quello principale. Per sfasciare tutto: ha cercato di forzare il il blocco della polizia che aveva proibito di sfilare per le vie del centro. Poi, ha attaccato la sede del Partito democratico con petardi e bombe carta. Una persona che si trovava all’interno della sede del partito è rimasta contusa. Negli scontri, inoltre, sono rimasti feriti sei agenti e un manifestante. Gianni Pittella, vicepresidente del Parlamento europeo, ci spiega dove hanno origine questi fenomeni, ravvisabili, in occidente, un po’ ovunque.

 

Ieri c’è stata l’ennesima manifestazione violenta. Cosa ne pensa?

Voglio esprimere, anzitutto, solidarietà ai compagni del circolo del Pd di Roma, come a tutti quelli che vengono costantemente aggrediti da queste forme di violenza scalmanata, inaudita, e incompatibile con la dialettica che potrebbe, legittimamente, prodursi rispetto ad eventuali divergenze sull’apertura del cantiere. Noto, purtroppo, che un tema così importante per la comunità interessata, viene sistematicamente strumentalizzato e trasformato, da alcuni, in un sistema per scatenare odio e distruzione.

 

In Francia non hanno questi problemi.

Con la Tav, no. Ma, a onor del vero, nel corso degli anni, hanno avuto non pochi problemi di ordine pubblico. Resta il fatto che, in Italia, rispetto alla vicenda non si è fatta chiarezza fin da subito. Probabilmente, si sarebbe potuto coinvolgere i cittadini, magari con un referendum; oppure, dare luogo o ad una consultazione dei sindaci. Il vero problema, tuttavia, è che al di là dell’importanza dell’opera specifica, per noi è fondamentale affermare il principio secondo cui nessuno può porre dei veti rispetto alla realizzazione di un’opera infrastrutturale talmente decisiva per il nostro Paese.

 

Crede che i No Tav pacifici abbiano della colpe?


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
21/11/2013 - commento (francesco taddei)

ricominciamo col giustificare i violenti! la crisi,la guerra, san gennaro....che pena! ...che viltà!