BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPAGNA/ Se un matrimonio "costa" solo 95 euro, perché lo vogliamo ancora?

Pubblicazione:martedì 5 novembre 2013

Il principe Felipe Di Spagna con la moglie Letizia Ortiz (Infophoto) Il principe Felipe Di Spagna con la moglie Letizia Ortiz (Infophoto)

Gli spagnoli ci hanno pensato, ai figli: c'è ancora l'impiccio della prole, a porre paletti per le giovani coppie, a meno che scelgano di non averne; il matrimonio fast vale solo se non ci sono bambini o figli disabili. Qualcuno se ne dovrà pur occupare, nel caso. Tocca assecondare questa disposizione dell'uomo, che si ostina a chiedere riconoscimenti pubblici per nobilitare il proprio mero istinto sessuale, e l'inghippo di relative nascite; si educheranno col tempo le nuove generazioni a liberarsi da questi legami sorpassati. 

In realtà, sappiamo bene che ci si sposa per interesse, per infatuazione passeggera, perché fa piacere organizzare un banchetto e stilare una rilevante lista di nozze. Con sano realismo, appunto, in alcuni paesi islamici vige un matrimonio di scopo, che può durare per un tempo stabilito, volto a limitare gli inconvenienti di una promiscuità esagerata, a legalizzare la poligamia. 

Soltanto i cattolici, sempre meno peraltro, si incaponiscono a raccontare un'altra realtà. Che l'uomo e la donna sono fatti per l'incontro, l'unità in una sola carne, la costruzione di una famiglia finalizzata a sostenere la persona e realizzare la speranza, donando il futuro al mondo. Solo i cattolici promettono per sempre, e davanti al "notaio" più  attento e capace di ricordare − Dio. Solo i cattolici credono che il divorzio sia una lacerazione, per tutti, non solo per chi è religioso, anche se non ci sono bambini a soffrire, una ferita che apre alla solitudine e alla delusione, alla sfiducia negli uomini e in se stessi. Un atto di viltà, perché le scelte si fanno seriamente, e ponderando i rischi; e poi con baldanza si seguono, affrontando ostacoli e sacrifici. 

Ci si guadagna? Sì, ci si guadagna, è provato anche dalla sociologia e psicologia à la page. Lasciate stare i casi patologici, quando le incomprensioni sfociano in violenza o esaurimenti nervosi. In due, per tutta la vita, si è più forti, più sicuri, più realizzati. Non basta un firma, e 95 euro, per dimenticare. L'infelicità costa di più.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.