BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ROBERTA RAGUSA/ Indagini sul pc di Filippo Campisi: i dubbi degli inquirenti

Gli inquirenti indagano sul computer del vigile del fuoco che ha detto di aver visto qualcosa la notte che Roberta Ragusa è scomparsa. Ecco i motivi dei sospetti

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Che sospetti ci sono su Filippo Campisi, il vigile del fuoco che ha detto di aver visto una donna in vestaglia salire su una macchina la notte in cui Roberta Ragusa è scomparsa? Era la notte tra il 12 e il 13 gennaio del 2012 e da allora della donna non si è più saputo nulla, unico sospettato il marito che aveva una relazione con la segretaria, ma su di lui nessuna prova concreta. Filippo Campisi invece salta fuori in questa misteriosa vicenda quasi due anni dopo quando si decide di raccontare ai magistrati quello che dice di aver visto. Una testimonianza così tardiva che non può che suscitare sospetti: perché aspettare così tanto? L'uomo dice di aver anche mandato una lettera anonima ai carabinieri con la sua versione dei fatti, ma perché anonimamente? Aveva paura di qualcuno? O era in qualche modo coinvolto con la sparizione della donna? Adesso gli inquirenti hanno sequestrato il suo computer per farlo esaminare a esperti sperando di trovare qualche indicazione utile sulle indagini.

© Riproduzione Riservata.