BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SIMONA RISO/ Il giallo dello stupro: chi abusò della ragazza precipitata dal balcone?

Proseguono le indagini sul caso della ragazza romana precipitata da un balcone e morta in seguito alle ferite riportate. Si cerca di capire se la giovane fosse stata violetata in passato 

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

E' giallo sulla frase che Simona Riso, la ragazza morta cadendo dal balcone in circostanze ancora misteriose, ha pronunciato prima di morire. La giovane infatti non era morta sul colpo, ma in seguito, dopo il ricovero in ospedale, tra l'altro con il sospetto che non si sia fatto abbastanza per lei una volta al pronto soccorso. Quando era stata soccorsa si trovava in evidente stato confusionale e aveva detto di essere stata violentata. Simona come si sa aveva sofferto di depressione e anoressia, subendo probabilmente qualche trauma psicologico. Al momento sembrava essersi rimessa, come hanno testimoniato i suoi familiari. Ma quella frase detta in quel tragico momento secondo gli inquirenti potrebbe aver voluto significare un fatto del passato. Succede, in tali situazioni. Così si cerca di indagare per scoprire se Simona avesse veramente subito violenza, e se sì, quando e chi sia il colpevole. Si indaga anche su quel buco di un paio d'ore tra l'ultimo sms e l'ultima telefonata alla madre e la morte: cosa può essere successo in quelle due ore? Simona non aveva dato nessun sospetto alla madre. 

© Riproduzione Riservata.