BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GENITORI-NONNI/ Volere un figlio ad ogni costo porta a piccoli "orfani"

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Il cuore del problema in questo caso di cui abbiamo parlato è che c'è una considerazione etica, psicologica e sociale da fare perché quella giuridica purtroppo è marginale. Il mio parere è che è su quel piano che bisogna prendere posizione cercando di contenere questi fenomeni che sono sicuramente abnormi. Illudersi che il diritto possa contrastarli non va bene. E vero che la legge italiana dice di no a queste pratiche ma non sarà mai il diritto a bloccarle e escluderle definitivamente. 

 

Ci vuole una educazione, insomma.

 

E' infatti una cosa difficilissima, trasmettere cioè una formazione culturale, etica e antropologica che induca le coppie sterile, ma non solo quelle anziane anche quelle giovani, a capire che fare un figlio con la fecondazione artificiale vuol dire ricorrere a procedure crudeli come la soppressione degli embrioni a fini procreativi. Capire cioè che si può vivere  serenamente anche se non si possono avere figli e non vivere questa situazione come una sfida sociale da vincere a tutti i costi.

 

Si arriva anche ad abortire se si scopre che il feto ottenuto con la fecondazione artificiale ha qualche problema.

 

La fecondazione artificiale è sottoposta a mille deformazioni, queste vanno tutte stigmatizzate. Nel caso di questa coppia, se non incappavano nell'abbandono del bambino il problema non sarebbe sorto. 


(Paolo Vites) 


© Riproduzione Riservata.