BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

BEPPE GRILLO/ La gogna per i giornalisti "nemici" e i pericoli del Minculpop a 5 Stelle

Beppe Grillo (Infophoto)Beppe Grillo (Infophoto)

Ma non è solo questo. In una società mediatica come quella di oggi, dove l'informazione è stata definita prima “quarto potere” e poi “quinto potere” (quando è arrivata la televisione), il meccanismo dell'intolleranza diventa un gioco al massacro, in grado di travolgere qualsiasi assetto democratico. Oggi l'informazione è più ramificata e più pervasiva, ma dell'informazione e della disinformazione si è sempre fatto un grande uso. Il problema è come affrontare, come metabolizzare democraticamente anche questo meccanismo. E' questo il confine tra l'intolleranza violenta e la democrazia.
La “lista di proscrizione” ricorda il Minculpop fascista, quando, oltre al “mattiniere” del maresciallo di Questura si faceva anche la lista di chi era più in linea con il Duce o contro il Duce. Il poveretto che cadeva magari in periodo ambiguo, non chiaro, si poteva trovare come il “bersaglio” di una delegittimazione generale e spesso rischiava anche il suo lavoro. Ma per non dimenticare i pericoli delle liste di proscrizione, basterebbe ricordare quello che si scriveva in alcuni comunicati dei sedicenti rivoluzionari degli anni Settanta italiana, quando si parlava dei “servi dello Stato” nei confronti di alcuni giornalisti.
Ci si può almeno chiedere se sia utile, in questo confuso clima politico e sociale, mettersi a fare l'elenco dei giornalisti sgraditi e caricarli di insulti? Non c'è il concreto rischio di indicarli come un bersaglio per qualcuno che agisce con modi sbrigativi?
In sostanza, si può essere d'accordo o in profondo disaccordo con quello che si scrive su un giornale. Si può replicare con grande durezza oppure, se si è capaci, con grande ironia. Ma quando la risposta è la “lista di proscrizione” per indicare l'avversario al pubblico ludibrio si passa solo all'intimidazione, il contrario esatto della democrazia.

© Riproduzione Riservata.