BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

RASSEGNE STAMPE/ Violazione del diritto d'autore, la denuncia della Federazione degli editori

Immediata cessata attività lavorativa per tutti coloro che fanno rassegne stampa: è quanto ha chiesto oggi la Federazione degli editori. Ecco di cosa si tratta

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Spaccatura apparentemente insanabile tra la Federazione degli editori (58 imprese editoriali, più di 430 testate giornalistiche) contro le società Eco della stampa e Data Stampa. Chiunque lavori nel mondo dell'editoria conosce queste due aziende che forniscono a pagamento il servizio di rassegna stampa, di solito a favore di una testata alla quale segnalano tutti gli articoli dove essa sia stata citata, ma ovviamente anche a privati. Ebbene, la Federazione degli editori dopo circa due anni di trattative, è arrivata a denunciare le due aziende chiedendo la sospensione immediata della loro attività. Questo perché, si dice, è stato violato il diritto d'autore. In cosa consiste esattamente la violazione, è ancora bene da chiarire: sembrerebbe che si tratti di rifiuto da parte delle due società di pagare i  corrispettanti diritti di utilizzo di materiale altrui, come appunto sancisce la legge sul diritto d'autore: "la tutela del diritto d'autore spettante agli editori per l'utilizzo e la commercializzazione dei contenuti editoriali da parte di soggetti terzi" dice la legge. Sembra però strano che solo adesso si sia arrivati a questa denuncia dato che una azienda come Eco della stampa esiste da decenni. Ed ecco un altro passaggio della denuncia che chiarisce l'affare in corso: "L'interesse dell'editore che ha reso possibile, attraverso i suoi investimenti, la realizzazione del giornale deve prevalere sull'interesse del compilatore della rassegna che, a costo zero, con la riproduzione e comunicazione degli articoli, realizza profitti. Tanto più oggi che i costitutori di rassegne stampa hanno la possibilità di acquisire lecitamente gli articoli aderendo al Repertorio Promopress".

© Riproduzione Riservata.