BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIMISSIONI PAPA/ Padre Lombardi: a marzo avremo il nuovo Pontefice

Pubblicazione:lunedì 11 febbraio 2013 - Ultimo aggiornamento:lunedì 11 febbraio 2013, 14.10

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Il responsabile della sala stampa vaticano ha tenuto una conferenza stampa in seguito all'annuncio delle dimissioni di Benedetto XVI. Un annuncio che ha colto tutti di sorpresa, anche le massime autorità della Chiesa, così come tutto il mondo. E' ovviamente la notizia del giorno: a parte tre casi particolarissimi risalenti ai primi secoli di vita della Chiesa, mai un Papa aveva dato le dimissioni dal suo ruolo. Il motivo ufficiale come ha detto lo stesso Pontefice parlando stamane a un concistorio per la beatificazione dei martiri cristiani uccisi dai turchi nel 1480, è la mancanza di forze fisiche per poter continuare degnamente il suo compito. Troppo anziano dunque: non è una malattia particolare ma solo l'età che ha spinto Benedetto al clamoroso gesto. Padre Lombardi lo ha spiegato lui stesso: "nessuna malattia ma età avanzata. Come tutti gli anziani lo ha riconosciuto con lucidità e coraggio ammirevoli". Rispetto a quello che succederà adesso, ha detto che si seguiranno i principi della costituzione vaticana, sarà competenza delle autorità che subentrano decidere i tempi delle congregazioni dei cardinali per l'elezione del nuovo Pontefice. Ha anche detto che oggi non è possibile prevedere quali saranno i tempi, ma in precedenza, tenendo conto che c'erano tutte le incombenze relative ai funerali cosa che questa volta ovviamente non ci saranno, le sedi vacanti sono state inferiori a un mese. "Penso che nel mese di marzo avremo il nuovo Papa", ha detto, che potrebbe occuparsi anche della celebrazione della prossima Pasqua. Il Papa ha detto padre Lombardi continuerà fino al 28 febbraio a svolgere la sua opera, continuerà così a recitare gli angelus, a tenere le udienze del mercoledì e a incontrare così come sempre i fedeli. Ha detto di non sapere se ci sia un motivo particolare perché ha scelto oggi 11 febbraio come data per l'annuncio, giorno che ricorda la Madonna di Lourdes, ma che il luogo, un concistorio alla presenza dei cardinali, è stato il luogo giusto per dare l'annuncio. Inoltre adesso cominciano gli impegni della Quaresima, non poteva aspettare oltre. Il Papa, ha detto ancora, "ha sempre valutato la sua condizione fisica. Non mi ha completamente stupito l'annuncio di oggi, lui aveva detto sempre che doveva valutare le sue forze, era un pensiero che egli aveva ben presente". 


  PAG. SUCC. >