BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

PAPA/ Lupi e Mauro: ha insegnato a noi politici a non manipolare la ragione

InfoPhotoInfoPhoto

Nel nostro fare politica ci sentiamo investiti di questa responsabilità che ha quotidianamente a che fare con i nostri limiti, i nostri errori, i nostri difetti. Ci sentiamo sostenuti in questo compito, che è una scelta libera e personale di ciascuno di noi, dall’appartenenza alla comunità cristiana, luogo in cui abbiamo ricevuto l’educazione anche alla sensibilità politica, e nel quale veniamo continuamente educati a porci la domanda sulle ragioni del nostro servizio al bene comune.

Benedetto XVI l’ha riassunto così a Berlino: “Al giovane re Salomone, nell’ora dell’assunzione del potere, è stata concessa una sua richiesta. Che cosa sarebbe se a noi, legislatori di oggi, venisse concesso di avanzare una richiesta? Che cosa chiederemmo? Penso che anche oggi, in ultima analisi, non potremmo desiderare altro che un cuore docile – la capacità di distinguere il bene dal male e di stabilire così un vero diritto, di servire la giustizia e la pace”.

Il nostro grazie a un Papa, un uomo, un governante che ci ha testimoniato questo cuore docile.  

© Riproduzione Riservata.