BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

LAVORO IN CARCERE/ Violante: da Padova un esempio per il Paese. Severino: portiamo avanti la legge Smuraglia

Oltre 500 persone hanno assistito al convegno “Lavoro - carcere - giustizia - imprese”: IONE BOSCOLO ci parla dei principali temi affrontati dagli ospiti, tra cui il ministro Severino

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

L’aveva detto il 17 settembre scorso. Se riesco a conservare i fondi per il lavoro carcerario tornerò. Il ministro di ferro con il guanto di velluto (definizione d’autore a cura di Luciano Violante) ha mantenuto la promessa. Ha resistito a più di un tentativo di scippo istituzionale. Anzi a un certo punto, come sgradito regalo di Natale, i 27 milioni per il finanziamento della legge Smuraglia se n’erano proprio volati via, scomparsi con un gioco di prestigio in sede di commissione bilancio del Senato. Non avevano fatto i conti con Paola Severino, ben sostenuta dall’alleanza delle cooperative italiane. Nel giro di poche settimane la penalista napoletana, dimostrando di non sentirsi per nulla a fine mandato, ha recuperato 16 milioni vincolandoli solo al lavoro carcerario. E al centro congressi Padova “Luciani”, nella città in cui aveva fatto la formale promessa, ha portato con sé il testo del decreto della presidenza del consiglio dei ministri in cui i 16 milioni forse meglio investiti dall’attuale governo sono stati reindirizzati all’obiettivo giusto.

Il convegno padovano, pur rimandato di un giorno per problemi istituzionali della Ministra, è riuscito “miracolosamente” (Severino dixit) a radunare un pubblico di oltre 500 persone con - sono sempre parole della titolare di via Arenula - «la rappresentanza vera del carcere: agenti, direttori di varie carceri, imprenditori, cooperative, magistrati, università, volontari». Sintetico il tema: “Lavoro - carcere - giustizia - imprese”. Moltissime le autorità presenti nelle prime file, con saluti istituzionali del prorettore dell’Università Guido Scutari (incombente il varo di una convenzione con il ministero della Giustizia per i corsi in carcere), del vicepresidente nazionale Federsolidarietà Ugo Campagnaro, del sindaco Flavio Zanonato, che ha raccontato dell’impiego di detenuti nei lavori socialmente utili, ad esempio come spalatori dopo le grandi nevicate dei giorni precedenti, e del componente del Csm Giovanna Di Rosa. Significativi molti passaggi dell’intervento di Di Rosa, magistrato di sorveglianza, che ha parlato del lavoro penitenziario come «elemento fondamentale per aprire le porte del carcere, ma anche come punto di appoggio al magistrato che deve concedere i benefici ai detenuti».

I dati del problema sono esposti da Nicola Boscoletto, presidente del Consorzio sociale Rebus organizzatore dell’incontro assieme a Ministero della Giustizia, Università di Padova e Confindustria Padova. I detenuti che fanno lavori veri (non i cosiddetti lavori domestici) sono 900 su 66mila, 2200 se si considerano anche gli “articoli 21” e i semiliberi. Il costo giornaliero di un detenuto è di 250 euro «ma calcolato per difetto». E la recidiva è stimabile al 90% (i dati ufficiali parlano di 69%, ma riguardano solo quelli che vengono riacciuffati): per chi lavora invece - e anche il ministro conferma con i primi dati ufficiali sull’argomento - si abbassa al 2%. Ecco perché i soldi investiti in lavoro carcerario sono spesi bene: «Ogni milione investito», riporta Boscoletto «ne fa risparmiare altri 9».

Seguono gli interventi di chi sul carcere ha scommesso sul serio. Ad esempio, Confindustria, che con Enrico Berto sottolinea l’importanza della componente imprenditoriale del lavoro in carcere, del presidente del gruppo Mantovani Piergiorgio Baita, che ha allo studio una “cittadella della sicurezza” pensata come centro di detenzione ma anche di uffici giudiziari strutturati con criteri futuribili. Di cultura della responsabilità sociale parlano Cesare Pillon, amministratore delegato del Gruppo AcegasAps e Marina Bastianello, vicepresidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.