BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Il suicidio del piccolo Habtamu e le domande che noi adulti vorremmo evitare

Pubblicazione:sabato 23 febbraio 2013

InfoPhoto InfoPhoto

Questa consapevolezza non ti fa stare sulla soglia dell’abbraccio, non sospende il tenace lavoro educativo perché “tanto l’esito non dipende da me”; anzi! ti fa entrare più dentro, con un vigore sconosciuto ma, soprattutto, con tutta la libertà. Il mistero della libertà dell’altro che può arrivare, disgraziatamente, fino a farsi del male, non ti coglie impreparato, ti stupisce sempre di più perché è mistero e ti fa andare avanti più spedito nell’abbraccio e nell’educazione di altri “Habtamu”.

Grazie per il dono che hai fatto della tua vita, Habtamu, perché io potessi capire un po’ di più del mistero di cui siamo fatti. Grazie alla famiglia Scacchi che ti ha accolto e accompagnato come poteva nel dolore che ti portavi dentro.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.