BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Pistorius, Armstrong & Co.: gli dei cadono, ma chi li ha fatti?

Pubblicazione:lunedì 25 febbraio 2013

Oscar Pistorius (InfoPhoto) Oscar Pistorius (InfoPhoto)

Per alcune persone sembra esserci un destino particolare: quello di diventare icone, modelli, miti, esempi da seguire. Per ragioni che forse vanno al di là delle loro intenzioni, ma che hanno fortemente perseguito e su cui hanno puntato tutto. 

Gente che ce l’ha fatta, magari partendo da situazioni disagiate e sfavorevoli. Persone la cui determinazione, volontà, forza noi ammiriamo perché i traguardi da loro raggiunti trasmettono fiducia nella natura umana. In fondo noi (la cosiddetta gente comune) abbiamo bisogno di eroi della vita reale, in cui i nostri sogni si realizzano. Abbiamo bisogno di vedere sui giornali ed alla televisione anche del bene, non solo cronaca nera e giudiziaria.

Per questi superuomini esiste un culto planetario, una religione con milioni di fedeli assolutamente devoti.

Però la vita è strana, a volte anche carogna, sembra che si diverta a smentire certezze inossidabili. Siamo testimoni in questi giorni di una impressionante caduta degli dei. 

Casualmente questi eroi sono tutti sportivi (ma possono essere cantanti, attori, politici, etc.) che hanno cercato la loro realizzazione nel successo. Ma per raggiungerlo sono diventati complici della loro debolezza. Hanno nascosto aspetti importanti ed impresentabili. Questa mancanza, che in fondo è un po’ una sorte comune ad ogni persona, non viene loro assolutamente perdonata. Il vero problema è che per i media, per il sentire comune un piccolo particolare della vita diventa assoluto, un luogo comune diventa vangelo incontestabile. 

Sia nel bene che nel male. Quindi davanti al crollo ed alla sconfitta definitiva i ruoli cambiano. Ed è lecito negare tutto, rimangiarsi le parole spese per anni. Dopo gli osanna ecco, puntuali i crucifige. Senza batter ciglio. Condannati senza appello.

Lance Armstrong, texano, definito il più grande ciclista che abbia mai pedalato lungo le strade di questa terra, campione del mondo, vincitore di ben sette (7!) Tour de France, l’uomo, il divo, il play boy, il padre, l’ammiraglio sui pedali, è soprattutto colui che ha sconfitto il cancro. Nel 1996 la diagnosi di tumore ai testicoli, metastatizzato al cervello, regredito e scomparso dopo la chirurgia e la chemioterapia. Malato poi di nuovo vincente. Oltre 300 milioni di fondi raccolti dalla sua fondazione contro il cancro. Il titolo della sua biografia è “Il ritorno del sopravissuto”, una specie di Highlander reale. Poi le accuse di doping, le prove e le negazioni continue, sino al crollo, all’ammissione. Ora è per tutti un dopato, prepotente, ingannatore e spacciatore.

Oscar Pistorius, 26 anni, è sulle pagine di questi giorni. Bambino sudafricano per il quale la vita inizia in salita: ad un anno di età subisce l’amputazione di entrambe le gambe sotto le ginocchia per una malformazione congenita. 


  PAG. SUCC. >