BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTO DEL GIORNO/ Oggi, 5 febbraio, è Santa Agata, patrona di Catania

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Sant’Agata fu sottoposta a feroci torture, tra cui quella di staccarle il seno con delle tenaglie. Tra l’altro Sant’Agata viene rappresentata proprio in questa maniera. La crudeltà che Quinziano palesò nei confronti di Sant’Agata fu tale che non venne uccisa subito: grondante di sangue per via dell’asportazione dei seni, venne riportata nella propria cella. Qui durante la notte, mentre era presa dal pregare il Signore, gli apparve San Pietro insieme a un bambino, che miracolosamente le sanò le ferite. Quinziano dopo qualche giorno, presa visione del miracolo e conscio che la presenza di Sant’Agata era il segno tangibile della sua sconfitta, ordinò che venisse bruciata viva.

Anche in questa occasione avvenne un miracolo: mentre il suo corpo bruciava, lo stesso non accadde per il suo velo, che rimase intatto. Ciò lo rese una importante reliquia che i fedeli spesso portano in processione davanti all’Etna con lo scopo di fermare le eruzioni del potente vulcano. A tal proposito sembra che nel 252 proprio il suo velo bloccò miracolosamente una grande eruzione. Questo fece diventare Sant’Agata protettrice contro le eruzioni e più in generale gli incendi.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.