BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

PROCESSO ETERNIT/ Casson (Pd): un momento storico per i diritti dei lavoratori

InfophotoInfophoto

All’interno di un processo, l’eventuale responsabilità penale va dimostrata rigorosamente, questo è indubbio. Si tratta di un sacrosanto principio di civiltà da rispettare. Questo, tuttavia, non incide sull’altra questione. I lavoratori, le forze sociali e i cittadini hanno potuto constatare che all’interno di alcuni stabilimenti si era verificata una condotta dissennata e criminale. Oltretutto, quando all’interno di una fabbrica o di un determinato territorio si verificano decessi che vanno al di là di qualsiasi statistica, è evidente che ci sono responsabilità sociali e di politica industriale che vanno accertate. Tuttavia, se parliamo di responsabilità penali, che sono personali, il nesso causale, deve essere provato in rapporto ad ogni singola persona.

Perché, per tanti anni, si è lasciato che la gente si ammalasse a morisse?

Vede, sto ripresentando un ddl che obblighi le amministrazioni locali a procedere con le operazioni di bonifica dei siti contaminati; nel documento, faccio presente che ci sono una serie di sentenze della Cassazione che affermano chiaramente come fosse ben nota la cancerogenicità dell’amianto almeno fin dai primi anni ‘60. Ebbene, ciò vuol dire che lo Stato ha aspettato 30 anni prima di fare una legge a tutela dei lavoratori, accettando che si ammalassero a morissero. Effettivamente, quindi, c’è da domandarsi: dov’erano i controllori amministrativi e i controllori giudiziari alcuni decenni fa? Probabilmente, se avessero agito, non avremmo avuto tanti morti. Abbiamo recepito, in materia, quasi tutte le direttive europee e in molti casi le abbiamo anticipate. Tuttavia, oltre alla teoria e alle norme occorre che gli uomini e la politica facciano il loro mestiere secondo lo spirito della Costituzione.

Per lo meno, dicono che le sentenze italiane in materia di lavoro siano uniche al mondo per la loro severità. Come nel caso della Thyssen

Se parliamo del numero di anni di pena, si. Per quanto riguarda l’impostazione giuridica, attenderei di leggere la sentenza in ultimo grado. Nel caso della ThyssenKrupp, infatti, in appello l’impostazione è stata modificata.

Posto che la condanna passi in giudicato, Schmidheiny e  De Cartier si faranno mai un solo giorno di carcere?