BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CARABINIERE SUICIDA/ Udine, si spara in caserma: in un biglietto le scuse

Bruno Luraghi, carabiniere di 57 anni originario di Milano, si è suicidato sparandosi un colpo alla testa nel suo ufficio nella caserma di viale Trieste a Udine, sede del Comando provinciale

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Tragedia a Udine. Bruno Luraghi, carabiniere di 57 anni originario di Milano, si è suicidato oggi sparandosi un colpo alla testa. Il militare, Luogotenente comandante del Nucleo informativo dell'Arma dei carabinieri, si è tolto la vita nel suo ufficio presso la caserma di viale Trieste, a Udine, sede del Comando provinciale dell'Arma. Secondo una prima ricostruzione, sembra che Luraghi sia arrivato in caserma questa mattina intorno alle 8: dopo essere entrato nel suo ufficio, avrebbe puntato contro di sé la pistola d'ordinanza e fatto fuoco, senza che nessun altro commilitone sentisse il rumore. Il carabiniere ha anche lasciato alcuni fogli scritti in cui, pur senza spiegare i motivi del gesto, chiede di essere perdonato e anche di venire cremato. A seguito della scoperta, il corpo è stato portato nella cella mortuaria dell'ospedale, dove nel pomeriggio di oggi verrà effettuato un esame medico-legale esterno, mentre sul posto si sono recati il Procuratore Aggiunto della repubblica di Udine, Raffaele Tito, il pm di turno, Lucia Terzariol e il medico legale, Carlo Moreschi.

© Riproduzione Riservata.