BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

LETTERA/ Scalfari, "in cerca" di un padre, guardi dalle parti di Piazza San Pietro

Scalfari ha individuato nell’assenza di figure paterne la ragione dello sgomento che i cittadini vivono in questi giorni. Ma un padre, spiega GIANNI MEREGHETI, non si trova in Parlamento

InfophotoInfophoto

Carissimi amici del Sussidiario,

Eugenio Scalfari ha riproposto ieri un suo editoriale di quindici anni fa a segnalare che le cose non sono gran che cambiate: come allora oggi il popolo è impaurito perché lamenta l'assenza del padre e forte è il rischio che si imponga il branco con la sua irrefrenabile violenza. Di fronte all'allarme lanciato da Scalfari non c'è che da aver paura, la politica ha perso di credibilità e se si volesse cercare lì un padre non lo si troverebbe di certo. Uno smarrimento forte è quello che si avverte a guardare lo scenario della politica, ma una domanda a Scalfari va fatta, è la domanda dove lui vada a cercare il padre. Va fatta, e non in modo teorico, ma a partire da un dato di fatto, da una piazza san Pietro a Roma che da un mese ad ogni piè sospinto si riempie di gente. Mentre la politica dà' uno spettacolo di divisione e di sconforto in piazza San Pietro si è tante volte radunato un popolo a cercare un Padre, a riconoscerlo, a pregare con lui, a gioire con lui. Un Papa, anzi due Papi che sono padri, una paternità che si è affermata. Questo è un dato che Scalfari e tutti noi dovremmo considerare. Tutta questa gente chi è andata a cercare? Un padre che c'è! E' questa la risposta a Scalfari e a chi oggi è impaurito, una autorevolezza che si impone come fatto che accade. Allora c'è da chiedersi da dove venga questa autorevolezza, quale ne sia l'origine e come possa permanere in una società che tende a distruggere tutto. E' lo stesso Papa Francesco a rispondere, a dire ad alta voce che "la nostra gioia nasce dall'avere incontrato una persona, Gesù". Qui sta la paternità che il popolo è andato a cercare in Papa Francesco e in Benedetto XVI, nella promessa di felicità che il loro abbraccio ha testimoniato a tutto il mondo. Sono padri perché parlano al cuore dell'uomo, e la politica dovrebbe imparare da questa paternità che accade, semplicemente imparare!!

© Riproduzione Riservata.