BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CARLO URBANI/ Medico perché cristiano. Ecco chi era l’"eroe" che battè la Sars

Carlo Urbani all'ospedale pediatrico di Hanoi (Vietnam) Carlo Urbani all'ospedale pediatrico di Hanoi (Vietnam)

Certo che no, ma così ho avuto modo di approfondire ancora di più la sua conoscenza. Per scrivere la sua biografia ho letto tutte le lunghe, profonde lettere/reportage che inviava agli amici, a Medici senza Frontiere, ai Missionari della Consolata di Torino. Sono tantissime. E poi i suoi diari da ragazzo, i suoi temi. Aveva le idee chiare fin da piccolo. Voleva aiutare i sofferenti, chi non aveva mai visto un medico o chi non se lo poteva permettere. Un episodio su tutti: quando si laureò, riempi numerosi zaini di farmaci, e organizzò un viaggio in Africa in compagnia, un vero “tranello” ai suoi amici. Nel bel mezzo della vacanza li portò in villaggi sperduti, dove non era mai passato un medico: una lezione di vita per tutti perché, come lui diceva “dobbiamo ritrovare la nostra vera missione di medici, che è quella di ascoltare, di chinarci sul malato. Dobbiamo tornare a toccarlo, a mettere il nostro orecchio su suo petto”. Il suo ideale era Giuseppe Moscati, il medico santo di Napoli.

 

Si può dire dunque che ha preso in carico la sua eredità?
Sì, perché Carlo è stato un medico e un cristiano, un eroe della quotidianità. Non è un santo perché è morto di Sars - quella è stata una pietra d’inciampo - ma per come ha vissuto i suoi 47 anni di vita. Non era uno scriteriato, non ha mai messo la sua vita in pericolo sventatamente. Ma rimaneva dove c’era bisogno di lui. Alla moglie Giuliana, che quando ad Hanoi si capisce la gravità della Sars, gli chiede: “scappiamo?”, lui risponde: “Se di fronte all’epidemia l’infettivologo scappa, che ci sono venuto a fare qui?”.

 

Sì, ma aveva tre bambini piccoli.
Lui adorava la famiglia, ed era un uomo come tutti, che ha avuto anche paura, tanta paura. Quando ha capito che stava morendo, ha ingiunto alla moglie di prendere i bambini e andarsene. I bambini - il più grande aveva 14 anni, la più piccola 2 - se ne sono tornati in Italia da soli. Giuliana è rimasta per accompagnarlo nei suoi ultimi, tremendi 18 giorni. Ma era la fede a guidare il suo “bisturi”, a dargli la ragione del suo essere il medico. Come ultimo atto chiese di confessarsi e ricevere l’unzione degli infermi: cosa non facile visto che si trovava in Thailandia. Ma in città trovarono un sacerdote italiano, un missionario del Pime, padre Piergiacomo che di cognome - guarda il caso – fa anche lui Urbani. Le ultime parole che gli sussurrò furono “i miei figli”.

 

Cosa rimane oggi, a dieci anni dalla sua scomparsa, dell’eredità di Carlo Urbani?
E’ un faro che indica la rotta. In questi giorni in Vietnam, a Taiwan, in Thailandia fioriscono le iniziative ufficiali in ricordo di Carlo, si intitolano ospedali, i governi consegneranno direttamente nelle mani del figlio Tommaso ingenti contributi per sostenere le attività dell’Aicu, l’Associazione italiana Carlo Urbani che prosegue la straordinaria attività umanitaria del medico marchigiano. “L’uomo giusto al posto giusto. Non sapremo mai quante persone sono vive grazie a lui”, ha scritto Kofi Annan ricordandolo. Solo qui in Italia questo decennale è caduto nell’oblio ufficiale. Le uniche iniziative in cantiere sono quelli organizzate proprio dall’Aicu e da chi continua la sua opera: una nelle Marche, che potrebbe essere ospitata nelle stupende Grotte di Frasassi, e l’altra, già fissata per fine ottobre, all’Università Statale di Milano. Si articolerà in un convegno scientifico internazionale con la partecipazione di oltre mille infettivologi e in uno spettacolo con brani delle lettere di Carlo, lette da Ugo Pagliai accompagnato dalla superba voce di Antonella Ruggero. 

 

(Daniela Romanello)

© Riproduzione Riservata.