BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA FRANCESCO/ Ecco chi sono i 63 nuovi beati e i 7 venerabili servi di Dio

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

A pochi giorni dalla sua nomina, Papa Francesco ha già autorizzato la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare i Decreti riguardanti 63 nuovi Beati e 7 nuovi Venerabili servi di Dio.

Tra di essi figurano martiri della guerra civile spagnola, dei regimi comunisti dell’Europa Orientale e del nazismo.

Nell'elenco dei prossimi nuovi Beati c’è anche il giovane seminarista italiano Rolando Rivi, ucciso a 14 anni in modo barbaro dai partigiani nel 1945. Fu ucciso in odio alla fede ancora adolescente di quattordici anni, testimone dell’incondizionato amore che provava per Gesù. Beato sarà presto anche don Giuseppe Girotti, sacerdote domenicano piemontese, ucciso nel lager di Dachau nel giorno di Pasqua del 1945.

Molti i martiri uccisi dai rivoluzionari rossi durante la guerra civile spagnola (1936 – 1938): Emanuele Basulto Jiménez, vescovo di Jaén, e cinque suoi compagni; Giuseppe Massimo Moro Briz e altri quattro sacerdoti; Gioacchino Jovaní Marín e quattordici compagni della Società dei Sacerdoti Operai Diocesani; il cappuccino Andrea da Palazuelo e trentuno compagni. Diverse anche le vittime del comunismo che il pontefice vuol far diventare sante: il turco don Vladimiro Ghika, ucciso a Bucarest il 16 maggio 1954, e l’ungherese Stefano Sándor, laico professo della Società di San Francesco di Sales, ucciso a Budapest l’8 giugno 1953.

Nella lista figurano anche don Eladio Mozas Santamera, fondatore delle Suore Giuseppine della Ss.ma Trinità, lo spagnolodon Emanuele Aparicio Navarro e il messicanodon Mosè Lira Serafìn, fondatore della Congregazione dei Missionari della Carità di Maria Immacolata.

Insieme a loro altri due italiani, il sacerdote passionista Generoso del Santissimo Crocifisso padre Olinto Marella. Infine, si apprestano a salire sugli altari anche due laici, il polacco Antonio Kowalczyk, dei Missionari Oblati della Beata Vergine Maria Immacolata, e la portoghese Silvia Cardoso Ferreira da Silva.



© Riproduzione Riservata.