BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

COMUNITA' VIRTUALI/ Da Grillo a Facebook: chi decide che si può trasformare il Papa in un "tronista"?

InfophotoInfophoto

E francamente anche a me sembra una battaglia persa. Avremo in Parlamento neoeletti che come tiolo di merito, presentandosi, dichiarano di essersi "sbattezzati". Un Parlamento che avrà i numeri, se regge, per regolamentare matrimoni gay, uso e abuso degli embrioni, dolce morte. In tv durante il Conclave trasmetteranno una fiction sui Borgia.

I giornali sono zeppi di trame cardinalizie e i parroci bruciano la foto del Papa in chiesa. Toccherebbe parlare sempre e ancora di educazione, anzitutto tra cristiani. Toccherebbe ricordare a chi scrive la Storia che la libertà della persona nasce col Cristianesimo.

Ma ormai, ne vale la pena? Vivere in battaglia, rovinarsi i rapporti con tutti, è più accomodante e pacifico guardare, pazientare, pregare in silenzio, se proprio si vuole.

Se non fosse che qualcuno, consegnandoci le sue penultime parole pubbliche, all'inizio della Quaresima, ci ha invitato ad "andare controcorrente, dove la corrente è lo stile di vita superficiale, incoerente e illusorio, che spesso ci trascina, ci domina e ci rende schiavi del male o comunque della mediocrità morale". Si chiama Joseph Ratzinger, Papa Benedetto XVI.

© Riproduzione Riservata.