BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TERRORISMO/ L'esperto: chi ha colpito a Boston? Due ipotesi "obbligate" per l'Fbi

Pubblicazione:mercoledì 17 aprile 2013 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 17 aprile 2013, 9.36

Il luogo dell'attentato a Boston Il luogo dell'attentato a Boston

Inizialmente quello delle bombe “fatte in casa” era un modus tipico di alcuni gruppi mediorientali, ma dal momento che i terroristi imparano da terroristi, nel corso del tempo altri gruppi di tutt'altra ideologia hanno preso spunto da loro. Che le bombe fossero piene di chiodi e biglie di ferro non rende l'attentato attribuibile a un gruppo piuttosto che a un altro, ma è solo indice dell'intento forte di voler uccidere: non è stato un atto dimostrativo.

 

Mentre che nessuno rivendichi può essere indice di qualcosa?
Anche questo, purtroppo, è un modus operandi di moltissimi gruppi: Al Qaeda raramente rivendica l'attentato se non molto tempo dopo e lo stesso vale per l'estrema destra: a volte rivendica a volte no. Potrebbe anche essere – ma non credo sia questo il caso, anche se niente è da escludere – che la rivendicazione sia stata fatta ma solamente alle autorità, che non hanno ancora reso pubblico il fatto per motivi investigativi.

 

Lei circoscrive le probabilità a due soli gruppi ma potenzialmente ora come ora potrebbe essere stato chiunque.
Il vero problema è che negli ultimi anni è emersa una tipologia di terrorismo inquietante... quella del “terrorismo fa da te”: cellule isolate prendono spunto da ideali islamici o di estrema destra, o altri ancora, riescono in qualche modo a recuperare delle nozioni in fatto di confezionamento di esplosivi e agiscono. Il fatto che le due bombe esplose, a Boston, non fossero di grande potenza fa di questi attentatori dei dilettanti e potrebbe far credere che si sia trattato di qualche cellula isolata.

 

Ma, dati storici alla mano, è possibile che non si scopra mai chi è stato?
Ci sono stati altri attentati nel passato, come quello di Atlanta, per i quali ci sono voluti anni per arrivare a scovare i colpevoli.

 

Quindi le indagini potrebbero anche protrarsi a lungo?
Sicuramente queste prime ore sono decisive e intensissime per gli investigatori, che si stanno muovendo essenzialmente su due fronti: sulle analisi forensi dell'esplosivo (ad esempio la provenienza delle biglie) e sullo studio delle videoregistrazioni delle telecamere presenti in centro a Boston, che devono aver ripreso qualcosa. Non ci resta che attendere, anche se credo che entro un paio di giorni qualcosa verrà per forza a galla.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.