BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

GIALLO DI PERUGIA/ Trovate tracce di sangue dell'assassino di Polizzi?

Le indagini sull’omicidio di Perugia, in cui Alessandro Polizzi fu ucciso, nella notte tra il 25 e il 26 marzo, da un colpo di pistola mentre dormiva, potrebbero giungere ad una svolta

InfophotoInfophoto

Le indagini sull’omicidio di Perugia, in cui Alessandro Polizzi fu ucciso, nella notte tra il 25 e il 26 marzo, da un colpo di pistola mentre dormiva, potrebbero giungere ad una svolta. Nell’abitazione in cui è stato assassinato da un killer incappucciato (costui ha anche ferito la ragazza di Polizzi, Julia Tosti, che stava dormendo assieme lui) sono state trovate tracce di materiale organico. Si tratterebbe, in particolare, di sangue e sostanze biologiche. A quanto riportano in principali media, i risultati della scientifica indicherebbero in Riccardo Menenti, padre dell’ex fidanzata di Julia, Valerio, il colpevole. Sulle scale che portano all’appartamento dove Polizzi è stato freddato sarebbero state rinvenute della tracce ematiche riconducibili a lui. Altre sostanze biologiche appartenenti a Menenti sono poi state rinvenute sulla pistola dalla quale è partito il proiettile. Questo è quanto è contenuto negli atti depositati dalla Procura di Perugia in relazione all’udienza del riesame prevista per venerdì, ma a cui Riccardo e Valerio Menenti, considerati rispettivamente esecutori e mandante dell’omicidio, non hanno partecipato. I due, attualmente, sono rinchiusi nel carcere di Capanne.

© Riproduzione Riservata.