BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA FRANCESCO/ "Noi come cittadini. Noi come popolo", il nuovo libro di Bergoglio pubblicato in Italia

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

foto Infophoto  foto Infophoto

Continua la pubblicazione di testi dell'allora arcivescovo di Buenos Aires Jorge Bergoglio, oggi Papa Francesco, in Italia. Il nuovo lavoro ad essere pubblicato, dalla casa editrice Jaca Book, è un testo che Bergoglio scrisse in occasione del bicentenario dell'Argentina, e ha come tema il pensiero sociale e politico riassumendo il suo punto di vista su questi temi. Si intitola "Noi come cittadini. Noi come popolo". L'edizione italiana ha una introduzione appositamente scritta dal segretario di Iustitia et Pax, Mario Toso. Il sito Vaticaninsider ne ha pubblicato oggi una anticipazione. Nel testo è possibile vedere come Jorge Bergoglio colga la difficoltà che vive il popolo nei confronti dei suoi governanti: parla infatti di una "divaricazione" esistente tra le esigenze del popolo e i suoi governanti che si formano, dice il Papa, in ambienti e con visioni lontane dal popolo stesso. La politica oggi, dice, spesso non è al servizio del bene comune: "Si è trasformata in uno strumento di lotta per un potere asservito a interessi individuali e settoriali; di conquista di posti e spazi più che di gestione di processi; e non ha saputo, non ha voluto o non ha potuto mettere limiti, contrappesi, equilibri al capitale per sradicare la disuguaglianza e la povertà, che sono i flagelli più gravi di questo momento storico". Dice dunque trattarsi, questa situazione, di una sconfitta collettiva, ma proprio per questo bisogna smetterla "di puntare il dito su chi ci sta di fianco o dietro; perché ciò che abbiamo finito col lasciare – di fianco, dietro e in definitiva al di fuori da tutto – è un numero importante di nostri fratelli". No alla democrazia a bassa intensità, dice ancora: no al livello di povertà in cui ancora viviamo perché tutto ciò mette a serio rischio la convivenza e la vita della democrazia stessa. 



© Riproduzione Riservata.