BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ROBERTA RAGUSA/ Il marito della donna conferma il racconto del testimone chiave

Le parole di Antonio Logli, marito di Roberta Ragusa (scomparsa nella notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012) e unico indagato, riportate dal programma di Rai Tre “Chi l'ha visto?”

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

“I cani si sono diretti verso questo palo, dove c’è questa recinzione bassa che chiunque avrebbe potuto scavalcare, poi hanno continuato lungo la ferrovia e si sono fermati in una strada qua dietro, in via Gigli, non hanno fiutato più niente come se magari Roberta fosse salita in qualche auto”. Queste le parole di Antonio Logli, marito di Roberta Ragusa (scomparsa nella notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012) e unico indagato, riportate dal programma di Rai Tre “Chi l'ha visto?”, andato in onda ieri sera. Le dichiarazioni di Logli, che risalgono ad appena due giorni dopo la scomparsa della donna, sembrano quasi confermare la versione raccontata dal testimone chiave del caso, il quale ha fatto sapere di aver visto quella stessa notte una donna che gridava terrorizzata e che “a un certo punto ha provato a scappare”. L’uomo che era con lei “l’ha ripresa, ho sentito un colpo, come se avesse picchiato la testa sul cofano, poi se ne sono andati a folle velocità, l’auto poteva essere la C3 della signora Ragusa“. Cosa è accaduto davvero quella sera? Il racconto di Logli è da considerare una semplice coincidenza oppure effettivamente, solamente due giorni dopo la scomparsa della moglie, l'uomo ha descritto una scena che ha vissuto in prima persona?

© Riproduzione Riservata.