BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

IL CASO/ Quei disabili che sono più "sani" degli altri

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

La salute non è la perfezione del corpo, ma la soddisfazione che abbiamo, a patto - certo - che questa soddisfazione non sia un accontentarsi ma sia supportata da un sistema sociale e familiare che accoglie, cura e sovvenziona. La salute è dunque “la soddisfazione supportata socialmente”, dunque è alla portata di tutti. La salute non è solo per chi è “sano”.

Abbiamo fatto una digressione sullo sport, ma come non si parla di disabilità nello sport, così non se ne parla nelle attività di tutti i giorni. La disabilità è un problema culturale ed economico di tante persone e tante famiglie che si sentono emarginate dal fatto di essere “famiglie differenti”, e dal fatto di voler amare e doverlo fare “a mani nude”. E’ dunque un problema anche politico, e chi avrà il compito di formare il prossimo Governo potrà mostrare quanto sia capace di cambiamento se mostrerà di mettere in primo piano le necessità e i desideri di chi ha più difficoltà e più speranze.

Più cure per chi ne ha bisogno, dunque, e più spazio nelle leggi finanziarie per chi ha reale bisogno; più visibilità per la disabilità, che non resti confinata alle trasmissioni-strappacuore. E una bella cena alla locanda dei Girasoli.

© Riproduzione Riservata.