BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

JOLLY NERO/ Genova, tradita dal suo porto, deve tornare ad essere "figlia"

Pubblicazione:venerdì 10 maggio 2013

InfoPhoto InfoPhoto

Genova da martedì sera forse non è più come prima. Ha scoperto che non basta una storia millenaria e strutture gigantesche a proteggerla, ha scoperto di aver delegato il proprio cuore, il porto, a persone che molto spesso lo sfruttano invece di amarlo. 

Genova non deve nascondersi la verità. Deve tornare a essere figlia, custode di quel Mare che le è stato affidato, discepola di Quella Signora che la implora, come una Madre, di non perdersi nella notte, di prendersi cura di se stessa e della propria vocazione. Lei, la Regina, oggi sta lì in mille pezzi a dire che non bisogna avere paura di scoprirsi fragili e deboli se abbiamo la consapevolezza di essere amati. Perché la nostra speranza è tutta qui: non nelle indagini, non nella giustizia terrena, ma nel cuore di tutti quei genovesi e di quei pendolari che ogni mattina si alzano e vanno a scuola, in università, nelle parrocchie, nelle fabbriche, sul posto di lavoro. Migliaia di persone che ogni giorno devono decidere se vivere seriamente la loro vita, avvertendone tutto il dramma, o se lasciarsi vivere, sperando che l’incuria e la superficialità domani li possa ancora evitare nell’ennesimo dramma che può colpire la città. 

Genova è come una sposa ferita nel cuore, in lutto per aver perso chi la sa amare davvero, come Maria essa ha bisogno dei suoi figli e dei suoi marinai che raccolgano i frammenti di quella statua e ricomincino a costruire, che nel silenzio delle lacrime ritornino a mettere il piede e il cuore di fronte al loro mare, di fronte al loro Destino. Genova non è morta. Essa risorge ogni volta che le nostre mani si intrecciano a quelle di Maria e chiedono, con tutta la tenerezza dell’anima, il dono di un nuovo inizio. Ogni giorno ferita, ogni giorno fragile, Genova − come ogni uomo e ogni donna di buona volontà − ha solo bisogno di essere di nuovo amata e di sentire nel mezzo della tempesta la forza, semplice e impetuosa, di un’Ave Maria.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.