BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Melania Rea / Parla Ludovica Perrone, l'amante di Salvatore Parolisi: mi diceva che presto la avrebbe lasciata

Centinaia di sms, e-mail e messaggi su Facebook. E’ il settimanale “Giallo” a riportare oggi le conversazioni tra il caporalmaggiore Salvatore Parolisi e la sua amante, Ludovica Perrone.

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Centinaia di sms, e-mail e messaggi su Facebook, scoperti in parte da Melania Rea e oggi al vaglio degli inquirenti. E’ il settimanale “Giallo” a riportare oggi le conversazioni tra Salvatore Parolisi, il caporalmaggiore accusato dell’omicidio della moglie, e la sua amante, Ludovica Perrone, ascoltata successivamente dai carabinieri. “Quando è nata la figlia io ho cercato di chiudere la relazione – dice la donna – ma né io né lui ci siamo riusciti”. Melania rea scoprì la loro storia verso “il gennaio o febbraio 2010 quando Salvatore la chiamò con la scheda dedicata a me. Provai a spiegarle che tra non c’era che amicizia”, ma Melania “mi minacciò di spaccarmi la faccia”. Ludovica Perrone voleva Parolisi solo per sé e gli chiedeva insistentemente di lasciare la moglie. Salvatore, dopo la morte di Melania, disse che lei lo umiliava e che non gli aveva mai perdonato la storia con Ludovica, ma i messaggi che i due si inviavano dicevano il contrario. La Perrone, infatti, era stanca di lui e gli diceva che non era un uomo perché non era in grado di lasciare Melania. “Dopo un litigio iniziale Melania si dimostrò disponibile a perdonarlo, ma mi diceva che al massimo entro un anno avrebbe trovato il modo di lasciarla per stare definitivamente con me”. Il 17 aprile Parolisi confermò all’amante che “a Pasqua sarebbe andato a casa dei genitori per sancire la separazione dalla moglie, che doveva essere consensuale. Il 18 non ci siamo sentiti perché era impegnato”. Quel giorno, il 18 aprile, Melania Rea perse la vita.

© Riproduzione Riservata.