BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VEILLEURS/ Lesage: pronti a mobilitare anche l’Italia contro le nozze gay

Pubblicazione:venerdì 24 maggio 2013

Hollande Hollande

Se aggiungiamo che la fecondazione assistita può consentire anche alle coppie gay di avere dei bambini, mettere al mondo un figlio rischia di diventare solo il risultato di un processo tecnologico che dà origine a un prodotto. Solo che questo prodotto è un essere umano.

 

I media hanno messo in relazione il suicidio di Dominique Venner a Notre Dame con la questione delle nozze gay. Lei che cosa ne pensa?

In primo luogo condanno il gesto di Venner. Il nostro gruppo difende dei valori celebrando la vita e la speranza. Se oggi ci mobilitiamo contro questa legge è perché crediamo di poter cambiare le cose. Il suicidio appartiene a una logica completamente diversa, perché è un gesto disperato.

 

Come valuta il fatto che Venner abbia scelto di suicidarsi proprio in una chiesa?

Venner ha sempre dichiarato di non essere credente, e io in quanto cristiano trovo che suicidarsi in una chiesa sia un gesto sacrilego. Darsi la morte non è certamente una cosa da fare per celebrare dei valori che celebrano la vita. Resta il fatto che se persone come Venner giungono a suicidarsi perché sono molto preoccupate per la situazione del nostro Paese e dei valori che si perdono, è qualcosa che deve farci riflettere sui danni che possono arrecare leggi come quella sulle nozze gay.

 

Che cosa ne pensa del modo in cui la polizia francese sta rispondendo alle manifestazioni contro le nozze gay?

Un mio amico che appartiene al gruppo dei Veilleurs è stato fermato a Parigi, e uno degli agenti gli ha detto: “Abbiamo ricevuto questi ordini e ci dispiace dover obbedire”. Il dato di fatto è che la polizia francese ha la tendenza a reagire molto di più contro i manifestanti che si oppongono alla legge Taubira, che non nei confronti di altri fenomeni.

 

A che cosa si riferisce?

Di recente gli ultras del Paris Saint Germain hanno messo a ferro e fuoco la capitale. I servizi di intelligence avevano riportato che c’erano rischi di scontri tra le forze dell’ordine e i tifosi del Paris Saint Germain che vengono dalle banlieue, aggiungendo che non volevano provocare gli ultras, i quali sono noti per il fatto di avere una visione molto negativa della politica. C’è quindi lassismo nei confronti di queste persone violente, mentre i Veilleurs, i cui metodi sono pacifici, sono trattati con molta più durezza.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
26/05/2013 - Sulle nozze gay debbono pronunciarsi gli psichiatr (Aldo Cannavò)

Nelle facoltà di medicina universitarie si studia che l'omosessualità è una scelta.Quindi ogni gay ha preferito liberamente un'orientamento sessuale contro natura.L'uomo ha diritto a scegliere la sua vita come preferisce ma non ad omologare alla norma ciò che ne è fuori.Il riconoscimento delle coppie di fatto,che interessa pure gli omosessuali, crea uno squilibrio nella società, a danno della famiglia naturale,alla quale verranno sottratte,oltre alla dignità le previdenze statali dovute,nella misura corrispondente alle previdenze che dovrà orientare alle famiglie contro natura.La situazione verrà aggravata dell'adozione di bimbi dalle coppie gay,poichè ogni bambino giunto all'età della ragione soffrirà la mancaza o di un padre naturale o di una madre naturale.Fra qualche decennio la psichiatria dovrà occuparsi di curare i problemi psichici di questi giovani sfortunati costretti a crescere diversamente di chi è cresciuto in una famiglia normale.