BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CORIGLIANO CALABRO/ Sedicenne uccisa e bruciata dal fidanzato coetaneo

Pubblicazione:

Il carabinieri sul luogo del delitto  Il carabinieri sul luogo del delitto

Non si avevano più notizie di lei da venerdì pomeriggio quando, dopo essere uscita dall'istituto di ragioneria che frequentava a Corigliano Calabro, si era allontanata a bordo dello scooter del ragazzo 17enne. I genitori di Fabiana Luzzi, che 17 anni li avrebbe compiuti il 13 giugno, non vedendola tornare a casa, hanno denunciato la sua scomparsa alle autorità, sperando che la ragazza si fosse allontanata volontariamente, come era già successo lo scorso anno quando scappò di casa per rifugiarsi a Bologna a casa di amici dopo una lite con il fidanzatino. Ma il fatto che quest'ultimo, nel pomeriggio di venerdì, fosse andato al pronto soccorso a farsi medicare delle ustioni su viso e mani che aveva attribuito alla marmitta del motorino, aveva insospettito i carabinieri che lo hanno messo sotto torchio. Dopo aver giurato di non aver più visto Fabiana dalla fine della scuola, la notte di sabato ha infine ceduto all'interrogatorio, confessando di aver accoltellato la ragazza dopo una lite e di averne bruciato il corpo che ha fatto ritrovare in un campo non distante dalla scuola che la vittima frequentava. Il giovane ora è in stato di fermo in una struttura per minori a Catanzaro, mentre decine di persone si erano radunate davanti alla caserma dei carabinieri di Corigliano per avere notizie della scomparsa, apprendendo sul posto della sua drammatica morte. 



© Riproduzione Riservata.