BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SIGARETTA ELETTRONICA/ Tassa in arrivo sulla "e-cig". La gente fa le scorte

Il fisco preme per avere una tassa sulla sigaretta elettronica ma il ministero della salute non ha ancora deciso se sia un prodotto da fumo o uno medico

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

In arrivo una tassa sulla e-cig, la sigaretta elettronica che tanto successo sta avendo tra gli ex fumatori o chi vuole smettere. E' da tempo che se ne parla poi era sempre stata rimandata ma adesso sembra che sia inevitabile. Il motivo è semplice: i soldi che lo stato riusciva a ricavare dalle sigarette normali sembra siano in drastica diminuzione: si parla di 700 milioni di euro in meno nel 2013. E allora bisogna andare a prenderli altrove, e la sigaretta elettronica che in poco tempo è diventata un business di successo potrebbe essere il posto giusto. Il problema è che il fisco non ha ancora risolto il nodo di cosa sia esattamente la sigaretta elettronica: è un prodotto da uno o un prodotto medico? E' il ministero della salute che dovrebeb fornire la risposta. Al momento non si sa rispondere. Ma intanto la vendita di sigarette elettroniche va a gonfie vele: ci sono oggi in Italia duemila negozi di sigarette elettroniche e altri continuano a nascere. Anche l'Unione europea non sa che fare: solo nel Regno Unito esiste una legge al proposito, in tutti gli altri paesi e a Bruxelles si dibatte ancora su cosa sia una sigaretta elettronica. Ma il fisco preme. 

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
27/05/2013 - commento (francesco taddei)

ci tasseranno anche l'aria che respiriamo?