BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CARCERE/ Europa: Italia al terzo posto per sovraffollamento dopo Serbia e Grecia

Dopo Serbia e Grecia, il nostro Paese è quello con il maggior sovraffollamento nelle carceri, dove si riesce a trovare posto per 147 detenuti dove in teoria ne andrebbero 100. 

Foto Infophoto Foto Infophoto

Il dato non è certamente nuovo, ma la situazione continua a peggiorare. All’inizio di quest’anno la Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha condannato l’Italia per trattamento inumano e degradante di sette persone detenute presso il carcere di Busto Arsizio e in quello di Piacenza, oltre a stabilire il pagamento ai sette detenuti di una somma per un totale di 100 mila euro per danni morali. La notizia del giorno, invece, è che dopo Serbia e Grecia, il nostro Paese è quello con il maggior sovraffollamento nelle carceri, in cui si riesce a trovare posto a 147 detenuti dove in teoria ne andrebbero 100. E’ l’ennesima drammatica fotografia scattata dal rapporto del Consiglio d'Europa sulla popolazione carceraria nei 47 Stati membri, secondo cui l’Italia è anche al terzo posto per numero assoluto di detenuti in attesa di giudizio, dopo Ucraina e Turchia. Nonostante tali condizioni di vita, lo Stato italiano spende comunque tantissimo per la gestione del sistema carcere, così tanto che nel 2010, fatta eccezione per le spese mediche, ogni detenuto è costato 116,68 euro al giorno. Per capire l'entità della cifra, basti pensare che Francia e Germania, tenendo conto anche delle spese mediche, ne hanno spesi rispettivamente 96,12 e 109,38.

© Riproduzione Riservata.