BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANNICANDRO DI BARI/ Uccide moglie e figlia e si affoga nella piscina della sua villa

Pubblicazione:sabato 4 maggio 2013 - Ultimo aggiornamento:sabato 4 maggio 2013, 12.47

Gli inquirenti sul luogo della strage Gli inquirenti sul luogo della strage

A Sannicandro di Bari nessuno riesce a darsi ragione della strage accaduta ieri sera, quando il farmacista 55enne Michele Piccolo ha impugnato una pistola uccidendo la moglie Maria Chimenti, sua coetanea imprenditrice e vicesindaco della cittadina, la figlia Letizia, che lunedì avrebbe festeggiato 20 anni, e, dopo aver aspettato che facesse rientro a casa il figlio più grande , Claudio, di 24 anni, e averlo ferito in modo grave con un proiettile, si è tolto la vita affogandosi nella piscina della loro villa. Un gesto che, apparentemente, non può essere spiegato se non ipotizzando un raptus di follia, dal momento che, a dire dei vicini, degli abitanti di Sannicandro e dello stesso sindaco, che conosceva i coniugi Piccolo fin dai tempi dell'università, la loro era una famiglia serena e benestante, e nulla avrebbe potuto far presagire un evento di questo calibro. A scoprire i cadaveri e il ferito sono stati la fidanzata e gli amici di quest'ultimo, studente di farmacia, che – allarmati perché il ragazzo non rispondeva né al cellulare né al telefono di casa, hanno scavalcato la recinzione della villa dei Piccolo e, scoperti i corpi di madre e figlia nelle rispettive camere e quello di Claudio, gravemente ferito, in soggiorno, hanno dato subito all'allarme alle forze dell'ordine. Il giovane è ricoverato in terapia intensiva al Policlinico di Bari e la sua testimonianza potrà essere fondamentale per fare luce sulla vicenda e sui motivi che hanno spinto il padre a sterminare la sua famiglia con la pistola automatica da lui regolarmente detenuta e confermare che non si sia trattato di una rapina finita male da parte di estranei, ipotesi che era emersa in un primo momento ma è stata poi scartata L'arma del delitto non è ancora stata ritrovata e gli inquirenti stanno setacciando la villa, cercando ulteriori indizi per ricostruire la serata di ieri, nella quale si è consumata la tragedia.



© Riproduzione Riservata.